mercoledì 6 giugno 2012

Ma perché non apri una fumetteria?


Visto il successo del precedente post, ormai GRANDE CLASSICO del blog, eccovi un bel sequel.
Ma con altro tono: perché chi è interessato ad aprire una fumetteria, è spesso "de coccio", e forse è bene sbatterci, qualche volta, sulla realtà.
Eppoi si tratta di passione, dai!! La passione è bella e morbidosa!

Quindi vi invito: ma perché non aprite una fumetteria?
Pensate ai tanti vantaggi, che ora vi elencherò.
In primis, una pubblicità garantisce che si può aprire anche con 9900 euro. Asterisco.
Come? No, non andate a leggere cosa dice l'asterisco, troppa fatica.
Concentriamoci sulle cose che contano.
GNOCCA!
Chi ha detto "Gnocca"?
Dicevamo: aprire una fumetteria.
Prima cosa: spese legali, Camera di Commercio, burocrazia.
Trovate un commercialista che pensi alla pratica. Gli date... quanto? 10-20 euri, e siamo apposto. Con altri 50 di bolli e marche, e tasse, saremo a posto.
Imposte sui rifiuti, Siae, affissioni ed insegna: ma credete davvero che tutti paghino queste tasse? Maddai! Sarà una invenzione dei media!
Quindi: siamo a 70 euro di spese.

Poi: l'arredamento.
Con 500 euro vi comprate tutto il legno, colla e chiodi che vi servono.
Con un po' di attrezzi che vi presterà vostro zio, e qualche amico che vi aiuterà -dovete averne per forza se volete aprire un negozio: come fate per le caselle, sennò? Chi vi lascerà centinaia di euri di fumetti prenotati ma invenduti, altrimenti?- potrete costruire dei mobili SU MISURA.
Solo dopo averli fatti, nel garage del sempre utile zio, sarà ora anche di cercare il locale in cui aprire l'attività. Mi raccomando: PRIMA i mobili, POI il locale! Sennò dove li mettete?
E siamo a 570 euro di spese.

Locale: non cercatelo in centro, che costa, ma più periferico possibile.
Tutte storie che la gente gira solo in centro: speculazioni delle agenzie immobiliari, che poi guadagnano le percentuali sugli affitti. E' tutto un magnamagna, dai!
In centro pagate un locale 2000 euri al mese, magari proprio sul Corso del vostro paesino? In periferia, molto in periferia, ne spenderete 300! Ovviamente, e questo mi sono scordato di dirlo, più è piccolo il paese o la città in cui aprite, meglio andrà: meno rotture di scatole, nessun concorrente, un po' di pace, che sennò vi tocca sempre a lavorare.
E se poi, nel vostro paese di 342 anime, c'è già una fumetteria, MEGLIO! Dove si mangia in uno, si mangia in due! Ci penserete voi, semmai, a farli chiudere, che si sa, gli appassionati di fumetti non sono abitudinari, vanno dove si trovano meglio, seguono la qualità! E voi gliela darete!
Riassumendo: 300 euro di affitto, due mesi di anticipo: 600 euro totali.
E siamo a 1170 euro totali.

Ora l'allestimento: compriamo i fumetti.
Qui vi chiedo di non badare a spese. Come? Non vi danno il reso, e magari vi fanno pure sconti bassi e pagamento immediato, visto che siete all'inizio? E ALLORA???
Come farebbe, poi, il distributore a ricomprarvi tutto a due soldi, quando tra un anno (ad essere ottimisti) chiuderete? Come farebbe a guadagnare alle vostre spalle, consigliandovi titoli invendibili ed irrendibili? SPENDETE, SPENDETE!
Almeno venti o trentamila euro. Facciamo quaranta, che il figlio del distributore si deve comprare l'apparecchio.
Questa voce non la contiamo nel totale, d'altronde i fumetti si rivendono, no? Quindi che senso ha inserirli nei costi?
Ma, un attimo, qualcuno qui sopra ha scritto: "Tra un anno chiuderete"?
Ma... GNOCCA!
Eh?
Dicevamo?
Ah, siamo a 1170 euro allora.
Ed abbiamo sistemato locale, comprato mobili e fumetti!
Uff!

Pubblicità.
Nota dolente.
Ma non avete una stampante? Allora scaricate qualche software crakkato, che tanto nessuno controlla (consiglio i modernissimi Paint e Publisher), ci buttate una bella immagine di Naruto e della Vedova Nera (un po' pecoreccia, che la gnocca attira sempre... "GNOCCA?"... "Eh?"), li stampate a raffica, e poi li fate portare in giro dai vostri amici. Fate una bella pagina su Facebook, e la storia è finita!
Costi: cartuccia stampante, 15 euro, un caffé offerto a tre amici (ed è pure troppo!): 3 euro.
E siamo a 1188 euro.

E poi fate un bel rinfresco, metteteci tanta roba, tanti alcolici.
Almeno 500 euro!
E alla cassa metteteci la vostra ragazza o vostra cugina, con un bel vestito scollato.
O voi stesse, se siete una donna.
Tutto, per la cultura!

Tot. 1688 euro.
Se li avete, potete REALIZZARE UN SOGNO!*
Non ne vale la pena, per quattro spicci?




*Il tono di questo post è volutamente ironico.
Tanto chi arriva a leggere queste righe, e si prende la briga di farlo fino in fondo, sicuramente lo avrà già capito.
Chi, invece, non dovesse capirlo, decidesse di aprire una fumetteria, e un domani volesse farmi causa, venga pure a trovarmi.
Sotto il bancone c'è il mio avvocato. Una doppietta stile far-west.
So say we all!
GNOCCA1

8 commenti:

  1. sei un pessimista e lo si capisce dal fatto che hai segnato i caffè a 1 euro quando stanno 80 centesimi.
    Per il resto, GNOCCA!

    RispondiElimina
  2. nell'ipotetico paesello di cui parlo io, sta a 1 euro!
    GNOCCAAAAA!

    RispondiElimina
  3. NOOOOOOOO il mio sogno nel cassetto, lo dovrò buttare nel cestino! sigh sigh....
    Scherzavo!
    Bel post antani, ti seguo sempre volentieri, chissà un giorno che non riesca a far un salto a trovarvi.
    saluti
    andrea

    RispondiElimina
  4. Gnocca Forever! (Propongo il titolo a Kurt Busiek)

    RispondiElimina
  5. Articolo semplicemente fantastico!

    RispondiElimina