sabato 6 gennaio 2018

I miei 2 (DUE!) cent sulla questione delle buste...

L'argomento del momento: le buste!

Due centesimi buttati, "rubbati" dalla politica, complotti, farse, dichiarazioni di politici, finte o vere non si capisce: l'unico argomento che è riuscito a farci dimenticare le polemiche sull'ultimo Star Wars, a unire voci che mai si erano sentite per i tanti balzelli e le tante vessazioni, soprattutto di questi ultimi anni.


Un fake

Argomento banale, alla fine: giusto disincentivarle.
Ma, a differenza di quanto detto dalla maggior parte dei media, il problema non si pone solo per i sacchetti ad uso alimentare, quanto per tutte le buste di plastica. E per TUTTI i negozianti.

L'ho scoperto da pochi giorni, e mi sembra giusto fare un po' di informazione, soprattutto perché diversi colleghi non lo sapevano.




Il 13 agosto 2017 è entrata in vigore la legge 123/2017, di conversione del D.L. 91/2017, che all’art. 9 bis contiene la nuova normativa sulle borse di plastica. Essa recepisce la direttiva UE 2015/720 ed abroga la precedente disciplina (art. 2 D.L. 2/2012). 
La nuova normativa, inserita nel d.lgs. n. 152/2006, si applica a tutte le borse di plastica, ossia realizzate con polimeri, “con o senza manici”, e in particolare tanto a quelle “fornite ai consumatori per il trasporto di merci o prodotti” (ad esempio borse alla cassa), quanto a quelle “richieste a fini di igiene o fornite come imballaggio primario per alimenti sfusi” (reparti ortofrutta, gastronomia, macelleria, etc.). 
Dal 1° gennaio 2018, possono essere commercializzate esclusivamente le borse biodegradabili e compostabili e con un contenuto minimo di materia prima rinnovabile non inferiore al 40 per cento.

E, soprattutto:

Sanzioni da 2.500 a 25.000 euro, elevabili  no a 100.000 euro, per chi viola o elude la legge.

Insomma: una faccenda seria.
E, a dispetto di quello che si dice in giro, valida per tutti i sacchetti, buste o sportine che dir si voglia.
Alimentari e non.
Da tempo, come tutte le attività commerciali, Antani Comics ha buste biodegradabili. Sono direttive europee, entrate in vigore negli anni.
Ed è sacrosanto: nell'ambito della raccolta differenziata e del riciclo dei rifiuti, ognuno deve fare la sua parte.

Ma la scadenza dell'altro giorno, di cui - come spesso succede in Italia - si è parlato troppo e male, mi ha colto impreparato: come me, praticamente tutti i colleghi con cui ho parlato in questi giorni. Addirittura i miei fornitori, quelli che ho contattato, non sapevano nulla.
Devo ringraziare Confcommercio, visto che è una loro newsletter che mi ha messo in allarme.

In soldoni: dal primo gennaio 2018 qualunque attività commerciale, oltre ad avere buste "a norma", diverse per uso alimentare o meno (cosa - come detto - non nuova), deve necessariamente farle pagare al pubblico. La vendita - ad un prezzo non prefissato - deve risultare dallo scontrino.
Pene draconiane per chi non rispetta la normativa.

Le cose cambieranno, e molto.
Al di là di supermercati e grande distribuzione, sicuramente attrezzatissimi per iniziative del genere, i piccoli negozi saranno obbligati ad organizzarsi. Chi fa fiere, dovrà attrezzarsi di un registratore di cassa anche se vende beni che, come i libri e fumetti, non prevedono l'obbligo dello scontrino fiscale. Nota di colore: gli scontrini inquinano più delle buste, perché non sono riciclabili come carta...
Penso agli editori, medi e piccoli, che non sono assolutamente organizzati: toccherà anche a loro.
A parte qualche distributore, non ho mai visto casse in fiera...
Il tutto, a meno di evitare di dare sacchetti o attivandosi per produrre shopper di stoffa da vendere o regalare.

Penso alle edicole, a tutte le attività che non hanno registratori di cassa. Chioschi che vendono fumetti.
E' necessario fare informazione e diffondere le novità introdotte dalla legge, cosa che assolutamente, come già detto, è stata fatta anche troppo, ma molto male.

Perché se è vero che inquinare sempre meno e consumare in modo consapevole è quantomeno doveroso, è anche fondamentale che a pagare non siano solo i consumatori e le piccole attività.
Per queste ultime, una multa come quella paventata, sarebbe letale...

In ogni caso, in questi giorni ho visto un crollo delle richieste per gli shopper del negozio: forse il pubblico comincia ad essere informato, anche tramite noi negozianti.


PS: finito di scrivere questo pezzo, vado a casa. Trovo la mia edicola di riferimento aperta: prendo delle cose che avevo da parte. Mi danno una busta: la rifiuto, ed informo loro della normativa. Che ovviamente non conoscevano!

4 commenti:

  1. Anche il panettiere mi sta dando la solita busta senza extracosti.
    Ho idea che siano pochissimi a saperlo.
    Perdonami, da non-negoziante a negoziante la trovo una "fantozzata pazzesca".
    Detto che il negoziante, può sempre aggirarla facendomi uno sconto di pari valore sulla merce comprata e quindi si perde il senso dell'"obbligo".

    Vorrà dire che sempre più spesso ci si porterà dietro i sacchetti da casa con buona pace delle aziende produttrici di biosacchetti usa e getta (si perchè son così fragili che dopo 1 volta li getti se non vuoi che si rompano sul più bello).
    D'altronde già lo si fa con i negozi che li fanno pagare da anni (e pure cari in certi casi).

    RispondiElimina
  2. "Detto che il negoziante, può sempre aggirarla facendomi uno sconto di pari valore sulla merce comprata e quindi si perde il senso dell'"obbligo"."

    si, ma deve comunque mettere la voce sullo scontrino e pagarci l'iva. Poi se vuole la regala pure...

    RispondiElimina
  3. Non c'entra nulla, ma... sono anni che vado in fumetteria con la stessa "sporta" (shopper) semi-rigida e impermeabile di Harrods (souvenir di Londra portato dagli zii), assolutamente perfetta per stivare i fumetti da portarmi a casa ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. c'entra, c'entra... non sei il solo!!

      Per fortuna!

      Elimina