mercoledì 6 maggio 2015

#NapoliComicon2015: il segreto del Comicon

Un anno fa, recensendo il Comicon 2014, avevamo detto quasi tutto quello che c'era da dire.

Ma il discorso su quella che continuo a definire la miglior fiera italiana, va approfondito.
Se vi va, seguitemi.

Se ve li siete persi, intanto, ecco i nostri post sul Comicon di quest'anno:
-Montaggio e giorno uno;
-Giorno due e festa del lavoro;
-Giorno tre: la verità sul caso Alastor-Lion-Messaggerie;
-Giorno quattro: Momenti di Gloria;

Comicon... 'no babà di fiera!

Intanto, scusate il ritardo. Ma sono stati giorni infernali, quelli post fiera.
Intanto, perché da venerdì saremo a Teramo Heroes, con tutto l'impegno che ne consegue.
Quindi, perché ieri avevamo autori in negozio (i bravissimi Tony Sandoval e Grazia La Padula: grazie ancora!).
Ma, soprattutto perché rompere un furgone carico e ben sistemato per la fiera successiva, e che quindi non avresti mai e poi mai scaricato... beh, diciamo che aiuta molto a trovare un modo per passare il tempo che non hai...

Tornando a parlare del Comicon, cosa dire?
Quale è il suo segreto?

Viverlo da espositore, aiuta molto. Perché la visione delle altre "categorie" di fruitori è molto diversa.
L'autore tende a voler stare col pubblico ed i suoi colleghi.
L'editore - diciamo - è li per promuovere. E, comunque, ha dei prodotti che non possono andar male, perché sono novità, che spesso ha in anteprima.
Il visitatore, poi, non è lì per lavorare, ma solo per "godere" del servizio offerto, quindi si va su tutto un altro ambito.

L'espositore privato o negoziante, invece, è l'unico che DEVE ASSOLUTAMENTE guadagnare. Perché... è il suo lavoro!

Oltretutto, spesso ha esperienze di centinaia di fiere alle spalle. Io stesso, che non ne faccio moltissime, e solo da tredici anni, ho superato da molto la soglia delle cento: quindi figuratevi chi fa solo quelle, per lavoro, e magari da venti o trenta anni...

Per finire: il punto di vista dell'espositore sa essere critico, e al contempo molto obiettivo.

Lo sguardo critico dell'espositore!

Tornando alla fiera, va detto che sicuramente, il punto di forza non sono gli ingressi, che sono comunque moltissimi e talmente ben gestiti che la congestione dello scorso anno è stata risolta in una sola edizione...
Intelligente l'idea dell'abbonamento, favoloso - anche se scomodo - il rispetto della legalità e della sicurezza, col tetto al numero massimo di biglietti vendibili.
Ma, ripeto: non si vince (solo) con gli ingressi, perché non è il pubblico che misura la validità a livello organizzativo di una manifestazione...

Sicuramente, criticità da rivedere sono legate alla gestione della vendita online (non è il caso di lasciare una quota per chi si presenta in fiera, senza sapere della prevendita?) e alla lotta ai bagarini (non di competenza dell'organizzazione).

Domenica mattina: ancora coda, di fuori!

Le mostre: tante, belle, sicuramente perfezionabili, ma sistemate DENTRO la manifestazione, in modo da poter essere facilmente raggiungibili. E, infatti, erano PIENE di gente, come mai se ne vede...
E, ripeto, molto belle. 








Uno dei punti di forza è sicuramente l'organizzazione della manifestazione: chi altro sa darti bagni riservati agli espositori, con annesso ristorante? 
Sicuramente - parlando in generale - i bar non sono impeccabili: troppe code, troppo pochi i rifornimenti.
Ma, girando all'interno della manifestazione, si trova una buona varietà di cibo... E comunque ci si può anche organizzare facendosi portare pizze e quant'altro da uno dei vari servizi a domicilio.

Il nostro stand in un momento di relax

Un paio di mancanze, continuano ad essere quella di una rete wi-fi, magari riservata agli espositori, che avrebbe fatto molto comodo, viste le difficoltà di connessione quando c'era tanto pubblico.
Idem il parcheggio dedicato ai negozianti: troppo lontano dai padiglioni, obbligava a lunghe passeggiate, per arrivare al mezzo... Anche se apprezzo l'idea di allontanare i mezzi, e non metterli attaccati al corpo della mostra, come si fa a Romics: veramente brutto da vedersi...

Il segreto del Comicon, seppure importante, non è neanche la dimensione internazionale dell'evento.
Neanche dieci anni fa, ci si poteva incontrare Moebius che disegnava gomito a gomito con Go Nagai, solo per fare due nomi. Ovviamente, io scelsi il primo, per avere un disegno...
Oggi come oggi, ci trovi i nomi migliori del fumetto italiano e non solo, con una selezione di ospiti che può rivaleggiare tranquillamente con Lucca.

Quest'ultima manifestazione, secondo me, ha già raggiunto il suo top organizzativo, culturale e globale, come evento: i limiti della manifestazione toscana, in ogni caso, si vedono tutti nelle difficoltà e nei rischi che si corrono girando per le strade della città in quei giorni. E la paura di problemi non meramente organizzativi, quanto di ordine pubblico, si tocca con mano.

Napoli, invece, migliora di anno in anno.
Sarà per le dimensioni della città, che è consapevole dell'evento e lo conosce, ma che non ne rimane schiacciata come Lucca; sarà per le capacità dell'organizzazione, che cambia soluzioni e si evolve, sarà perché i costi degli stand, di cibo e pernotti sono decisamente inferiori a quella trappola per turisti che è LuccaComics.

Oppure, sarà per il semplice segreto (banalmente, avrei detto "di Pulcinella"!) che ha il NapoliComicon: una grande capacità di ascoltare le critiche, per trarne quanto di buono possono e devono fare. Il che non mi sembra poco, e mi spinge a scrivere questi post, che così diventano utili...


Il "privé" del nostro stand, il cui contenuto è avvolto nel mistero!

Ringraziamenti: generalmente non li faccio per pigrizia, e per paura di scordarmi qualcuno. Stavolta mi piglio la responsabilità.
In ordine sparso: ai compagni di banco e di vita lavorativa: Filo & Luigi su tutti, a seguire Anna & Vale, Endru, Gasp, Giorgio, Vittorio e, ultimo ma non ultimo, il decano delle fiere e maestro di vita: Max.
Alla crew partenopea, sezione distaccata di Antani Comics, che è ben fotografata qui sotto.
A Ciccarelli, col quale mi piglio spesso a paraculate, perché ha la testa dura. Ma di persona è uno che sa ragionare e bene. A Stefano Perullo, collega preparato e persona di grandi capacità.

A tutti coloro che sono passati, fermandosi anche per fare i complimenti per il blog. Fatelo sempre, fa bene!! A Cerri + Anne, che sono sempre un bel vedere ed un aiuto prezioso. Ad Andrea, Elena e famiglia, che mi fanno sempre sentire a casa ovunque. Agli autori che si sono fermati a fare quattro chiacchiere, ed a quelli che hanno tirato avanti, facendo finta di nulla.
A distributori che sono passati per parlare di lavoro, ascoltando consigli e criticando: e a quelli che non si sono visti. E non ci sono mancati.

A Frisio, Edo e, soprattutto, alla solidità del buon Valentino, che mi copre le spalle in negozio e rende possibile tutto questo.

La crew: Ignazio il simmetrico, Zak il signore della notte,
Giorgio Banana e il Presidente!

33 commenti:

  1. Quindi, in conclusione, abbiamo vinto? :D

    RispondiElimina
  2. da semplice visitatore un ora di fila per entrare con il biglietto non esiste nei posti civili

    RispondiElimina
  3. che esperienze hai di fiere con 25.000 ingressi quotidiani, caro kamata?
    non dico da organizzatore, ma da fruitore...

    Davide

    RispondiElimina
  4. kamata sei mai stato a un semplice concerto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dirà che è cosa diversa. proviamo a capire la sua esperienza con fiere con 25.000 entrate quotidiane. io qualche esperienza ce l'ho vorrei capire lui quali ha...

      Elimina
    2. ho risposto ho fatto fiere come fruitore anche da 100.000 ingressi al giorno e col biglietto più di dieci minuti non li ho mai aspettati

      Elimina
  5. Risposte
    1. io si. e l'ora l'ho fatta anche con accredito...
      e a lucca son stato lasciato fuori dai padiglioni con biglietto pagato perchè dentro c'era troppa gente...
      ma l'importante è parlare male di napoli

      Elimina
    2. non sei il solo. Quoto appieno!

      Elimina
    3. son sempre davide ovviamente

      Elimina
  6. faccio regolarmente il romics che ha il triplo delle entrate del comicon
    fatto anche lucca ed etnacomics
    a lucca col biglietto 10 minuti di fila(per prendere il braccialetto)
    al romics il tempo di superare la gente che sta in fila per il biglietto e si entra.
    ultimo giorno di romics mi reco all'apertura ed entro alle 10 ed 1 minuto
    ultimo giorno di comicon mi reco all'apertura ed entro alle 11 45
    l'apertura era per tutti e due gli eventi alle 10:00



    RispondiElimina
    Risposte
    1. quindi romics ha 75.000 entrate al giorno?
      dici?

      il tempo di "superare la gente che sta in fila"?
      ...

      no comment

      Elimina
    2. il sabato e la domenica si
      c'è un passagio a destra delle due biglietterie dedicato a chi ha il biglietto, da li ci vogliono pochi secondi per i tornelli obliteri e sei dentro

      Elimina
  7. Andrea (e Elena)8 maggio 2015 08:46

    Caro Franz essere in tua compagnia è sempre per me un privilegio, siamo noi a ringraziare te.
    Per quanto riguarda le persone che si lasciano impressionare dalla inciviltà di Napoli, gli auguri di trascorrere tutta la loro vita al sicuro nei loro luoghi cosiddetti civili e qnzi li ringrazio perchè apprendo con stupore che il Romics, facendo il triplo delle presenze del Comicon, accoglie dunque ben più di 200.000 visitatori, quasi bissando Lucca.
    Bene, questo mi rende felice.
    Non ti indignare per l'inciviltà di Napoli, non ti riguarda, staje senza penzieri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nessuno se le presa con napoli città.
      sono messinese e studio a palermo.
      qua sto parlando di disorganizzazione bastava dividere il flusso dei coplayer da quelli dei vivisitatori normali cosa che non è stata fatta. facevano passare le persone poche manciate alla volte per perquisirle.....
      si romics il dabato e la domenica ha il triplo delle entrate del comicon mi dispiace deluderti.......

      Elimina
    2. lamentiamoci delle perquisizioni
      che paese di merda che siamo...

      Elimina
    3. Ma sai leggere ? Mi sono lamentato di quello ?
      Se dividevano i flussi perquisendo i cosplayer (le petquisizioni erano per loro gli sequestravo armi e roba ingpingombrante)
      E i semplici visitatori li si lasciava scorrere come dapertutto, invece a causa dell'organizzazione che non ha diviso i flussi ci siamo dovuti sorbire le moine dei cosplayer che non volevano abbandonare i loro outfit ecc.
      sia lucca e romics hanno un eentrata a parte per loro

      Elimina
    4. non so leggere. l'importante è che tu sappia scrivere
      l'ingresso di lucca è praticamente obblgato dal lato della stazione
      quello della mostra d'oltremare no, ve ne sono 3 anche distanti
      è stata data una indicazione per dividere i flussi
      ma non è stato messo un divieto specifico che vietasse di entrare a qualcuno in un dato varco
      se son entrati tutti da quello con la fila evidentemente è perchè venivano da quel lato lì

      no, le perquisizioni erano per tutti. anche per chi era dello staff. come me. e ne vado stra-fiero

      perchè poi è divertente lamentarsi di "ma come è entrata una bomba carta allo stadio"?

      l'importante è lamentarsi...
      e comunque, nel giorno più importante della mostra, 10 minuti di fila a lucca sono un racconto interessante
      soggetto utile per un MM, detective dell'impossibile

      Elimina
    5. Sto scrivendo col celllulare (ma lo avrai notato)
      A me hanno perquisito lo zaino, la fila si è creata a causa delle rimostranze dei cosplayer dovevano dividere i flussi, col senno di poi non posso appurare quello che tu dici sugli altri varchi, ma se tu organizzazione scrivi che è tassativamente vietato usare i varchi che non siano per i giornalieri uno che cosa deve fare ? Rischia ad uscire da una fila per farsi ricacciare indietro ?
      si per prendere i braccialetti ci ho messo 10 minuti, le file per chi deve fare il biglietto e chi deve prendere solo il braccialetto sono separate e la seconda è piu scorrevole.
      un amica venuta con me che invece doveva fare il biglietto ci ha messo un ora

      Elimina
    6. Nella parte finale del post mi riferisco a lucca

      Elimina
    7. ma facevi parte dello staff del comicon ?mi spieghi una cosa :
      ma come avete solo lontanamente pensato che i coplayers vi avrebbero lasciato armi e outfit ingombranti senza fiatare ?
      perchè non avete pensato di creare come fanno dapertutto un entrata per loro?
      ultimo perchè non avete annunciato che si poteva entrare anche dagli altri varchi ?
      la fila si è creata ai varchi dei giornalieri e nessuno ha comunicato che si potesse passare dagli altri, anzi lo staff si lamentava inveendoci contro.

      Elimina
    8. Nella parte finale del post mi riferisco a lucca

      Elimina
  8. una precisazione: come fai a sapere che roma ha il triplo degli ingressi di napoli nel finesettimana?

    RispondiElimina
  9. Si parlava di quasi 80.000 persone sui giornali per il sabato dell'ultimo romics
    e di un totale di quasi 200.000 presenze per tutta la manifestazione
    io ci sono stato venerdi sabato e domenica, tu da espositore ti sarai sicuramente accorto della ressa maggiore sabato e domenica rispetto a giovedi e venerdi.

    RispondiElimina
  10. Si parlava di quasi 80.000 persone sui giornali per il sabato dell'ultimo romics
    e di un totale di quasi 200.000 presenze per tutta la manifestazione
    io ci sono stato venerdi sabato e domenica, tu da espositore ti sarai sicuramente accorto della ressa maggiore sabato e domenica rispetto a giovedi e venerdi.

    RispondiElimina
  11. a differenza di napoli, che ha avuto gente per 4 giorni in un flusso ininterrotto, roma è molto debole il giovedì ed il venerdì.
    detto questo: come fai - ripeto - a dire che roma, sabato e domenica, ha avuto il triplo degli ingressi del comicon? fonte?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. c'erano gli strilloni del messaggero in edicola "grande sucesso del romics sfiorate le 90.000 presenze sabato ed oggi si replica", so che comuqnue che il messaggero può non essere considerato una fonte credibile xd idem il tempo.
      Trovato un articolo su quella di ottobre in cui gli ingressi furono 30.000 in meno
      http://www.ilmessaggero.it/moda/agenda/manga_cosplay_romics_fumetto/notizie/942972.shtml
      erano solo il doppio del comicon
      questo invece su quella di primavera
      http://www.lastampa.it/2015/04/13/cultura/fumetti-e-cartoons/fumetto-mania-record-di-visitatori-per-romics-4S2yuWgFESdJP5qC2g3dFP/pagina.html

      se la matematica non è un opinione 180.000/4 fa 45000 ingressi al giorno (che sono quasi il doppio di quelli del comicon) come hai affermato anche tu giovedi e venerdi la fiera è molto debole e molto probabile che sabato e domenica faccia quasi il triplo degli ingressi del comicon.
      peccato che non abbia fotografato gli strilloni delle edicole.......

      Elimina
    2. non metto in dubbio quello che dici.
      è che mi fa un po' ridere che un paio di link ed una idea distorta, portino a delle verità assolute.
      mi spiego: napoli ha un afflusso costante. Significa che, tra abbonati e giornalieri, PIU' O MENO entrano ogni giorno le stesse persone. Il che è una cosa OTTIMA.
      Roma ha DUE giorni buttati: il che è una schifezza, e non giustifica poi il fatto che sabato e domenica venga molta gente.
      Oltretutto, i tuoi conti non considerano che a napoli ci sono gli abbonati, che non contano nei giornalieri.
      Stai facendo un rapporto usando SOLO i dati di una fiera.

      Detto questo: secondo me, ogni giorno, dentro il comicon c'erano più persone che a romics. Ma sparse su una superficie maggiore, perché la struttura del comicon è più grande, e gestita in modo intelligente.

      Elimina
  12. scusami ma 100.000 diviso 4 giorni fa 25.000 al giorno
    http://www.comicon.it/comicon-2015-100-000-visitatori/
    non fa riferimento alla divisione tra abbonati e giornalieri dice 100.000 visitatori

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma seriamente lei ha scritto "secondo me" dopo aver cassato articoli di giornale definendoli "un paio di link ed un idea distorta" ?
      e meno male che mi chiedeva dati oggettivi....
      mi tiro fuori dalla discussione scusi se le ho imbrattato il suo blog con un idea distorta.

      Elimina
  13. si. Sono un paio di link che riportano i dati di Romics.
    E quelli del comicon?
    Non riesco ad aprire l'ultimo link: ma i dati che di solito danno al comicon, sono dei BIGLIETTI. Non credo contino x4 gli abbonati.
    In ogni caso, guarda, visto che eravamo partiti da lì:
    -organizzativamente, comicon - romics 10 - 0
    -numericamente siamo lì, ma secondo me, come visite uniche giornaliere sommate, comicon fa di più.


    RispondiElimina
  14. lo riposto per lei
    http://www.comicon.it/comicon-2015-100-000-visitatori/
    estratto
    "Si è conclusa la XVII edizione del nostro Festival, dopo quattro giorni di festa e dove gli eventi in programma erano più di 400, per l’incredibile numero di 100.000 visitatori!"

    "ma i dati che di solito danno al comicon, sono dei BIGLIETTI. Non credo contino x4 gli abbonati."

    quindi secondo lei io che faccio l'abbonamento tre giorni al romics come verrei contato ?
    e quello due giorni a lucca ?
    e secondo lei se avessero fatto più di 100.000 persone tra giornalieri ed abbonamenti non lo avrebbero sbandierato ai quattro venti ?
    concordo con la disorganizzazione del romics ma sugli accessi ormai non hanno più problemi, il tempo che ho aspettato al comicon col biglietto al romics non lo perdo nemmeno per farlo.
    l'unica cosa che me piaciuta del comicon sonos ate le mostre veramente belle.

    RispondiElimina