giovedì 23 gennaio 2020

giovedì 16 gennaio 2020

Panini Comics ci svela il suo piano per DC COMICS! Intervista ad Alex Bertani

La notizia del decennio, nell'aria da mesi, è ufficiale da tre giorni: Panini Comics si è presa i diritti DC per l'Italia. Anche per l'Italia. Anche i diritti DC.

Intervistiamo Alex Bertani, Italian Publishing Market Director di Panini Comics, che ci svela alcuni dettagli del piano editoriale.



lunedì 13 gennaio 2020

PANINI COMICS HA LA DC IN ITALIA!

Oggi, dai social Panini Comics.

PANINI S.p.A. E DC COMICS ANNUNCIANO L’INIZIO DI UN ACCORDO DI LICENZA A LUNGO PERIODO PER LA PUBBLICAZIONE DEI FUMETTI E DELLE GRAPHIC NOVEL DC IN ITALIA 
Modena, Italia e Burbank, California, 13/01/2020 
DC, editore, tra gli altri, dei personaggi Superman, Batman e Wonder Woman, ha concesso a Panini, uno dei più grandi editori di fumetti a livello mondiale, i diritti per la pubblicazione dei propri fumetti e graphic novel in formato cartaceo e digitale in Italia, che saranno distribuiti in edicola, fumetteria, libreria e nei principali store online. Le pubblicazioni DC Comics Panini inizieranno ufficialmente il 2 aprile 2020, in concomitanza con la dodicesima edizione dello storico evento modenese Play e contemporaneamente con quello nella capitale Romics, durante i quali Panini parteciperà con spazi dedicati a vendita ed eventi.Faranno da apripista per il lancio delle nuove serie DC in Italia cinque albi Alfa da collezione e lo speciale L’anno del criminale, albo di 32 pagine che contiene tre storie brevi firmate da alcuni dei più grandi talenti del fumetto americano del momento.I piani editoriali e la lista degli albi che inaugureranno la nuova era di DC targata Panini saranno comunicati in seguito nei canali web e social ufficiali di Panini Comics.Jim Lee, Chief Creative Officer e Publisher di DC, ha dichiarato: “Questa nuova relazione con Panini S.p.A. è un’opportunità entusiasmante per DC. Conosco personalmente la passione e l’amore che i fan italiani nutrono nei confronti dei nostri eroi e dei nostri criminali, e non vedo l’ora di vivere il futuro dell’Universo DC pubblicato da Panini a partire da aprile”.Marco M. Lupoi, direttore editoriale di Panini, ha aggiunto: “Fin da quando ho letto il mio primo Batman di Neal Adams, o il Superman di Curt Swan, o i Teen Titans di Nick Cardy, l’universo degli eroi DC ha fatto parte del mio immaginario, contribuendo a creare una cultura fumettistica che ha spaziato da quelle prime letture fino a tutta la produzione DC degli ultimi decenni. È quindi con enorme emozione che accolgo l’Uomo d’Acciaio, il Cavaliere Oscuro e tutti gli altri eroi del pantheon DC all’interno di Panini Comics Italia, per un programma editoriale ambizioso e che si prefigge di presentare il meglio della produzione di Burbank, nella veste editoriale più curata e accattivante, aprendo una nuova tappa nella storia italiana di questi eroi. Dopo due decenni circa come editore DC in Germania e Brasile, è il momento per me di accogliere gli eroi DC in Panini anche sul suolo natio. Up up and away, come nelle migliori tradizioni”.DC è uno dei più grandi editori al mondo di fumetti e graphic novel in lingua inglese, ed è la casa di alcuni tra i più iconici e famosi personaggi mai creati. In quanto divisione creativa di WarnerMedia, DC ha il ruolo di integrare strategicamente personaggi e storie tra film, televisione, prodotti di consumo, home entertainment, giochi e il servizio streaming DC Universe. Per maggiori informazioni, visitate il sito dccomics.comIl Gruppo Panini, fondato quasi sessant’anni fa a Modena e con sedi in tutta Europa, Sud America e Stati Uniti, è leader mondiale nel settore delle figurine collezionabili e una delle realtà più importanti in Europa e Sud America per la pubblicazione di fumetti, riviste per bambini e manga. L’azienda si avvale di canali di distribuzione in più di 130 stati e impiega oltre 1200 dipendenti. Per maggiori informazioni, visitate il sito paninigroup.com

Tutti ne parlavano, questo blog - posso dirlo con orgoglio - lo aveva annunciato scherzosamente a fine ottobre, ed era stato ripreso da tanti (spesso senza esser citato).

Chissà se utilizzeranno pure questo...


domenica 12 gennaio 2020

Supercazzole della domenica

Quando è domenica, che scribacchi con falina, e ti trovi antani come fosse per due.
Che dite? Non si capisce?

Eh, vabbeh...




mercoledì 8 gennaio 2020

E se Lion, poi, in fin dei conti non fosse così male?

Non preoccupatevi: la risposta è "si". Lion è "così male".
Almeno al momento, e sono già spariti i segni di miglioramento e riorganizzazione di qualche mese fa...

Ma, per quanto riguarda la ottuagenaria storia della DC in Italia, considerando tutti gli editori che ne hanno detenuto i diritti, l'attuale licenziatario è così male in senso assoluto?

Ragioniamoci un attimo.

domenica 5 gennaio 2020

Un po' di vergogna, tra Natale e Befana...

Settimana pre e post Natale molto dura: tanto lavoro in negozio e tantissime spedizioni.

Fino al 24 incluso, inoltre, fin troppe novità da sistemare: il calendario di dicembre è curioso, i fornitori lavorano per le prime tre settimane, ma le uscite non sono equamente ripartite tra le stesse. Piuttosto, mentre nelle prime due c'è una attività normale, nella terza si accumulano anche quelle previste per il periodo natalizio. Due settimane di uscite, oltre agli arretrati ed eventuali "rinforzi" richiesti per le feste in pochi giorni.



Per cui, come dicevo, abbiamo lavorato come matti fino a Natale.
Subito dopo, spedizioni in uscita e ancora tanti acquisti da parte dei clienti in negozio.

Non mi lamento: per carità.
Ma in tutto questo non sono riuscito a pubblicare due o tre pezzi per il blog che avevo in mente.

venerdì 3 gennaio 2020

Dalle pagine di DYLAN DOG... DARYL ZED!

Era il giugno del 1992, e sulle prime pagine del numero 69 di DYLAN DOG appariva DARYL ZED...

Dylan Dog 69: "nasce" Daryl Zed! E' il 1992

Ventisette anni dopo, in occasione del Free Comic Book Day, è stato presentato il numero zero del personaggio, in un mix di pagine tratte da "Caccia agli Inquisitori", (Dylan Dog Color Fest 22), con inediti disegnati da Nicola Mari per i colori pop di Sergio Algozzino.
Il tutto fa da preludio alla nuova miniserie in cui la mitologia del Cacciatore di Mostri sclaviano viene ampliata e immersa in un mondo narrativo pulp-horror: uscita prevista fine gennaio 2020, testi di Tito Faraci, disegni di Nicola Mari, Angelo Stano e Werther Dell'Edera.




giovedì 2 gennaio 2020

Lion e Panini, tempi sempre più duri per chi segue gli "spillati"

Lo dicevamo già esattamente un anno fa.
Ma con la Lion, si sa, il rischio è di ripetersi.

Oggi lo spillato è in crisi, il che è un bel problema, perché (semplificando) è con le vendite di questo che gli editori pagano gli autori e tutti i costi iniziali di produzione... 
Il problema, però, si pone quando un editore come Lion, mai puntuale con le uscite da libreria, comincia a non esserlo pure con le serie regolari. Perché se un volume tarda di qualche settimana, o un mese, magari un anno, è grave; ma un quindicinale che non esce anche solo tre mesi, accumula ben sei albi di ritardo, come successo a Wonder Woman (nel 2018 n.d.b.), trimestrale in autunno, settimanale a Natale mentre mestamente si avvia alla chiusura. 
Pensiamo a Batman Metal: storia molto bella, iniziata a gennaio 2018 con due prologhi, e che sarebbe dovuta concludersi a settembre. Già in primavera Batman il Cavaliere Oscuro, testata che raccoglieva questa lunga saga, aveva un mese di ritardo: l'ultimo numero, il 19, è uscito a metà novembre. Il tutto per una storia che si sarebbe potuta veder pubblicata in metà del tempo, con una programmazione più veloce e senza i ritardi accumulati. Se a questi aggiungiamo anche la perdita degli incentivi collezionistici - ogni albo usciva anche con una variant con spilla allegata, il cui raccoglitore, annunciato per settembre FORSE uscirà a marzo - va detto che diventa sempre più difficile leggere e far seguire i seriali agli appassionati. 
Ad oggi il motivo principale per cui vale ancora la pena acquistarli è la distanza con le ristampe: sicuramente un valido incentivo per le serie più appassionanti. Ma ce ne sono davvero così tante?