domenica 22 gennaio 2017

Dopo il terremoto: #FumetterniXAmatrice 2.0

Come promesso a fine agosto, dopo Fumetterni abbiamo organizzato le aste di beneficenza pro terremotati: l'associazione Amatrice 2.0 è stata beneficiaria dei 2850 euro raccolti.

A breve apparirà un post ufficiale su www.fumetterni.it, intanto conosciamo meglio chi utilizzerà i fondi inviati a fine 2016...



venerdì 20 gennaio 2017

Con Annexia tornano le "sexy eroine" del fumetto italiano

Riceviamo e, con colpevole ritardo, segnaliamo questa iniziativa.


mercoledì 18 gennaio 2017

Terremoto: quando il panico fa paura

Stamattina la terra ha tremato di nuovo, a Terni.
Forte, molto forte.
Ero in giro per lavoro, non ho sentito le prime scosse: ma le persone sono uscite per strada, gli allarmi hanno suonato. Le linee telefoniche non funzionavano più.

Improvvisamente, i gruppi Whattsapp - immancabili ed imprescindibili - cui DEVI essere iscritto sei hai un figlio in qualunque scuola o asilo, hanno cominciato a riempirsi di messaggi.
Bisognava, assolutamente, andare a prendere i propri figli.

Girando per la città, scene di panico: strade intasate, scuole evacuate, bambini per strada, al freddo. 
Da quello che ho visto, e dai racconti che ho sentito, ho avuto una certa paura: perché nonostante il terremoto qui non sia e non possa essere una emergenza, ogni scossa viene avvertita con paura. E scatta il panico.



martedì 17 gennaio 2017

30 anni: Auguri, Star Comics!

Era il 1987.
I supereroi, colonna portante del fumetto italiano negli anni settanta, erano spariti.
I manga non erano ancora arrivati.
I fumetti in edicola, e nelle nascenti fumetterie, erano pochi.
Di qualità, ma pochi.

Star Comics, guidata da Sergio CavallerinGiovanni Bovini e Marco Marcello Lupoi, dopo la chiusura dell'Editoriale Corno e la breve parentesi della Labor, prova l'azzardo: rilanciare i supereroi Marvel in Italia. Prima L'Uomo Ragno, che dopo qualche mese inizia ad ingranare, quindi Fantastici Quattro (ne abbiamo parlato qui) e X-Men. Il successo è evidente: altri editori si lanciano sul mercato: Play PressComic Art.

La storia prosegue tra alti e bassi: quando nel 1994 arriva Marvel Italia a prendersi le licenze di pubblicazione dei supereroi, Star Comics (che nel 1992 ha visto nascere pure Star Shop Distribuzione) non è colta impreparata, perché da anni pubblica anche altro: dagli albi USA (l'Ultraverse, l'Image con Spawn e tutto il resto, Hyperion col meglio del fumetto USA), manga (Video Girl Ai, Kappa Magazine, Dragon Ball, Ranma) e un paio di serie italiane (Lazarus Ledd e Hammer).

Dragon Ball Super, dal 23 marzo 2017!


domenica 15 gennaio 2017

Ospitare autori in fumetteria: come si cambia...

Quando, nel 2004, poco dopo aver aperto il negozio mi trovai a programmare il mio lavoro, feci una scelta: al di là di attrarre gli appassionati di fumetto, per i quali era "sufficiente" offrire un ottimo servizio, ed avere capacità di fidelizzare (non che fosse ovvio o facile farlo, ma il "come", almeno, era chiaro), volevo andare oltre.

Io volevo rivolgermi a CHIUNQUE nella mia città - e non solo, visto che vendevo online da prima di aprire il negozio! - al di là di appassionati già "formati".

Per questo mi sono dato subito alla pubblicità: i social non esistevano, e puntai su cose più immediate, come volantini e locandine, ad esempio.

E poi scelsi di investire su una tipologia di evento nella quale credevo molto: gli incontri con autori.


venerdì 13 gennaio 2017

Rinascita DC: si parte... ma come?

Tra oggi e domani, ma ufficialmente dopodomani, in Italia parte la Rinascita DC.
Rilancio ben gestito a livello narrativo, e pubblicato in modo - a mio parere - intelligente in Italia da Lion, anche se avevamo già evidenziato alcune perplessità, che si sono ulteriormente aggravate negli ultimi giorni...


mercoledì 11 gennaio 2017

#MomentiDiGloria 57

In fiera, online, in negozio: OVUNQUE, i nostri adorati clienti, che a loro volta ci amano, non ci fanno mancare momenti di (generalmente) involontario umorismo, quando non di minchionaggine assoluta. Momenti irripetibili che noi, con la massima cura e tutto l'amore per la precisione, siamo obbligati ad annotare per i posteri in questa rubrica.
Momenti, appunto... di GLORIA!

Il tutto senza rancore... "E il gusto difficile di non prendersi mai sul serio", ricordate?


lunedì 9 gennaio 2017

Quando il trenino non va... (I diritti del cliente)

Il cliente, in quanto tale, ha dei diritti.
E' considerato parte debole del contratto di compravendita, per cui viene tutelato.

Personalmente, penso che talvolta lo sia un po' troppo, perché l'acquirente di una multinazionale è ben più svantaggiato, in un confronto, rispetto a quello di un piccolo negozio: e i diritti, che uguali sono, sbilanciano un po' troppo il rapporto nel secondo caso, tanto che un cliente in malafede, spesso, può fare quello che vuole, perché "ha sempre ragione".

Ma la legge c'è e va rispettata.
Il cliente, in particolare, ha due principali prerogative: il diritto di ripensamento, che gli consente - in sintesi - di cambiare idea e di poter rendere quanto acquistato o annullare quanto sottoscritto entro quattordici giorni (praticamente solo per acquisti online), e la garanzia per i vizi: Il venditore è tenuto a garantire che la cosa venduta sia immune da vizi che la rendano inidonea all'uso a cui è destinata o ne diminuiscano in modo apprezzabile il valore (art. 1490 codice civile).


Il 25 dicembre, aprendo i regali davanti all'albero, mio figlio più piccolo ha trovato un trenino.
Babbo Natale, conoscendo la sua passione per i mezzi di trasporto, ha voluto regalarglielo.