martedì 15 ottobre 2013

Un Topolino tra le variant



Come detto, Panini pubblicherà in Italia il parco testate Disney.

Epocale, il numero 3019, col passaggio di consegne, realizzato anche in versione variant.
Come anticipato in quel post, l'editore modenese distribuirà - voci di corridoio dicono TUTTE le uscite Disney - anche per il mercato delle fumetterie.

Sicuramente in questa direzione va il comunicato apparso or ora sul sito di Panini Comics:



Le prime novità Disney targate PaniniCopertine variant, cofanetti, volumi e calendari!Quello tra Panini Comics e i personaggi e le testate della Disney è un matrimonio destinato a un futuro radioso. Tante, tantissime le idee che abbiamo in programma per i prossimi mesi, e che vi sveleremo poco alla volta, per non rovinarvi la sorpresa. I tempi sono però maturi per anticiparvi qualcosa sulle uscite speciali che abbiamo in serbo per i mesi di ottobre e novembre.
Anzitutto, è già disponibile in fumetteria l'esclusiva variant "effetto morbido" di TOPOLINO 3019, il primo numero del nuovo corso targato Panini, con in copertina l'ormai celebre disegno di Giorgio Cavazzano con Topolino intento a ripetere il gesto atletico di Carlo Parola divenuto l'emblema delle figurine Panini. Un albo in tiratura limitatissima, la cui cover - di colore verde - è resa speciale da una fioccatura elettrostatica che produce uno speciale effetto vellutato. Insomma, vi sembrerà di avere in mano un campo da calcio! Da non perdere, così come sarà da non perdere, in fumetteria a novembre, la variant "animata" in PVC di PAPERINIK APPGRADE 14, la testata supereroistica Disney per eccellenza!
Sempre a novembre è in arrivo in fumetteria LO SCRIGNO DEI MILLE, un cofanetto da collezione contenente le ristampe dei numeri 1000, 2000 e 3000 di TOPOLINO, le cui copertine saranno inoltre arricchite da una speciale colata dorata; la variant gold di TOPOLINO 3000 sarà inoltre in vendita singolarmente, anche in questo caso nel solo mercato delle fumetterie.
MOBY DICK, invece, è la raccolta in un unica soluzione dell'adattamento in chiave Disney del grande classico di Herman Melville, pubblicato in origine su TOPOLINO 3003 e 3004 e firmato da Francesco Artibani e Paolo Mottura (con la collaborazione ai colori di Mirka Andolfo). E, sempre a proposito di raccolte, a novembre uscirà anche IL GRANDE SPLASH E ALTRE AVVENTURE, con la riproposta della celebre saga dei Paperi di Silvia Ziche con, in appendice, altre otto storie disegnate dall'autrice veneta. Passando ai volumi in edizione deluxe, poi, ecco DISNEY D'AUTORE: CORRADO MASTANTUONO contenente alcune delle storie più mitiche dell'artista, oltre a materiale inedito e a una prefazione di Lillo & Greg. Infine, in anteprima a Lucca Comics & Games e poi disponibile in ogni fumetteria, non poteva mancare il CALENDARIO DI TOPOLINO, per passare un anno intero in compagnia dei personaggi di casa Disney disegnati da Alessandro Perina.
E non è che l'inizio, perché sono in arrivo tante altre novità che - ne siamo certi - faranno la gioia di lettori e appassionati vecchi e nuovi. Continuate a seguirci, insomma: ne vedrete delle belle!

Iniziative bellissime, che - l'ho detto già - sicuramente torneranno utili al mercato delle fumetterie.

Ma, come ho - mi ripeto, scusate - già detto pure questo: speriamo in sistemi di vendita migliori.
Le variant che verranno portate in anteprima a Lucca, vengano gestite in modo da non favorire solo chi se le piglia e le ha già vendute su Ebay?

Perché, come ci complimentiamo quando le cose sono fatte "per bene" (ovvero in modo da non sfavorire i lettori, fumetterie e chi, nel "fumetto" ci lavora), ci piace evidenziare anche le storture: Topolino 3019 variant non arriverà a tanti che lo hanno cercato o prenotato nelle fumetterie.
Probabilmente non verrà neanche mai esposto.
E molti lo compreranno su Ebay.

Il tutto perché l'editore - speriamo per la fretta dovuta al passaggio di consegne - ha malgestito la vendita degli albi, soprattutto in fiera. Ha senso venderle a Romics, mentre raccogli prenotazioni che sai già non potrai soddisfare?

Ha senso che io, fumetteria, informi i miei clienti, li faccia prenotare, spinga un prodotto, e poi me lo debba vedere su Ebay, a quattro/cinque volte il suo prezzo?

L'amara riflessione è che, sicuramente, Panini porrà rimedio a tutto questo, ma, ancora una volta, chi ci rimette, in questo gioco di variant al massacro, sono i negozi, che non speculano, ma cercano di rifornire i clienti.
E questi ultimi che, di riflesso, perdono sempre di più fiducia in chi, spesso, i fumetti "non riesce" a recuperarglieli...

40 commenti:

  1. La Panini non ha perso tempo ad inquinare anche Topolino con la sua politica di variant, ultravariant, cofanetti, ecc.
    Non so sia esportabile questo tipo di folle politica editoriale nel settore Disney. Certo devono fare cassa e rapidamente, altrimenti non si spiegherebbe questa massiccia invasione di fumetti e albi speciali.
    Non so se i lettori Disney si faranno spremere come limoni, perché questo tipo di strategia ha solo quel fine, ma certo non arricchisce di qualità un settore che non ne vede da parecchio tempo.
    E non so come si comporteranno con i primi commentatori Disney che fioccheranno sulla loro pagina FB e se cancelleranno o espelleranno gli utenti scontenti.
    Certo, però, questo passaggio dei diritti Disney alla Panini si profila come una sciagura. E dimostra come dai supereroi non si possa più tirare grandi utili.
    In un articolo di comicsblog (sulla mia pagina FB c'è il link), si parla di vendite non superiori alle 5.000 copie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tetsuyatsurugi15 ottobre 2013 20:36

      Un fumettaro che frequento ha venduto la settimana scorsa 100 copie della variant di Topolino 3019, dal giovedì al sabato eran spratite tutte, manco messe sullo scaffale a momenti.

      Un cliente se n'è prese 5 (!), un altro addirittua 20 (!!), in pratica in due si sono comprati un quarto delle sue copie disponibili.

      E' ovvio che dopo la speculazione sul 3000 di Topolino, adesso si cavalchi l'onda ad ogni minima variant che tirano fuori...

      (Cmq il cofanetto coi numeri millenari mi tenta! Ecco, lo sapevo, è finita che sono riusciti a contagiarmi, qualcuno chiami l'ambulanza e mi faccia ricoverare prima che sia troppo tardi :-p!)

      Elimina
    2. Mah! Momenti di ordinaria follia fumettistica. Se uno è così scemo da comprarsi 20 copie di uno stesso fumetto, perché magari crede o gli hanno fatto credere che potrà rivendere quelle copie su ebay è diventato ricco, faccia pure.

      Passata l'euforia, la gente capirà che il passaggio dei diritti di Topolino alla Panini è stato uno sfacelo. Una casa editrice che, come nel mio caso, non rispetta la libertà di espressione, non merita alcuna considerazione. Il mio personale augurio è che queste politiche li portino più vicini al fallimento.

      Elimina
    3. Tanto di cappello al fumettaro che le vendeva a prezzo di copertina.
      Tanto di calci nel culo allo speculatore che ne ha acquistate 20. Fossi stato nel fumettaro glie ne averei fatte prendere massimo 3-4-5. Tanto le altre le avrebeb comunque vendute tutte velocemente ad altre persone.
      Spero solo che quei 100€ di variant Topolino gli rimangano sul groppone.

      Ciao

      Elimina
    4. Non concordo.
      Lui ci specula? Affari suoi.
      E' facendole girare il più possibile, compito del distributore/editore, che si evitano casi del genere.
      Non con regole restrittive.

      Elimina
    5. Se ci specula si che son affari suoi.
      Ma se poi priva altri clienti di poter aver a 5.00€ l'albo senza doverlo pagare minimo 25€ su ebay facendo guadagnare questi FdP, così non mi sta bene giustamente (ed infatti a quei prezzi col cucco che lo piglio).
      Poi certo come dici, se distributore/editore le facesse girare meglio sarebbe certamente una cosa migliore per tutti, fumetterie e clienti.

      Ciao

      Elimina
    6. Diciamo le cose come stanno. Se uno così stronzone da comprare su ebay un fumetto a 25,00 euro che in fumetteria può avere a 5,00 euro è proprio uno stronzone.

      Elimina
    7. Si ma io non sto parlando di quelli che comprano UNA copia per poi magari rivenderla ad almeno cinque volte il prezzo di copertina. Se vogliono possono farlo.
      Io sto parlando di quelli che si sono comprati molteplici copie dello stesso fumetto 4-5-6 o addirittura anche 20. Stessa cosa che succede negli ipermercati quando fanno le offerte sottocosto che arriva il negoziante nel piccolo negozietto e comprarsi quanti più pezzi possibili per rivenderli nel proprio negozio a prezzo maggiorato rispetto all'offerta. Ed è per questo che oramai sono stati messi limiti, tipo massimo 3 pezzi per ogni articolo ecc...
      E comunque io l'ho detto, avrei preso l'albo anche se mi avesse fatto pagare il doppio il fumettare che avevo visitato. Invece i prezzi erano assolutamente più alti.

      Ciao

      Elimina
    8. "quando fanno le offerte sottocosto che arriva il negoziante nel piccolo negozietto e comprarsi quanti più pezzi possibili per rivenderli nel proprio negozio a prezzo maggiorato rispetto all'offerta"

      Non capisco: cosa farebbe di male?
      Scusa, è un mio limite...

      Elimina
    9. Facciamo un ragionamento opposto visto che fai fatica a capire ; )
      Perchè a queste offerte hanno oramai messo da tempo sui voltantini le solite scritte che dicono "massimo 1 pezzo, massimo 2 pezzi, massimo 3 pezzi ecc.."
      Se non c'era alcun problema secondo te avrebbero messo queste limitazioni?

      Ciao

      Elimina
    10. No, aspetta.
      Non è illegale. Non è niente di malvagio.
      Chi vende, è ovvio, "attira" con lo specchietto per le allodole, e non ha interesse a vendere a commercianti.
      E qui ci siamo.
      Ma che c'è di male se io mi compro in offerta le noccioline per il bar o le gomme per il tabaccaio?
      Di "moralmente condannabile", dico...?

      Elimina
    11. Ma infatti io non dico che sia moralmente condannabile, illegale, malvagio in se.
      Dico solo che se vendono tot articolo sottocosto non puoi venire tu piccolo negozietto a prelevarne tutti o quasi i pezzi così da lasciare a secco gli altri.
      È come se tu Francesco pubblicizzi una tua offerta in negozio che hai da vendere 100 fumetti al prezzo scontatissimo di 0.50€ cad. per attirare clienti che poi magari ti compreranno anche altro.
      Ecco che appena apri arriva un tizio che ti compra tutti e 100 i fumetti a 0.50€ e se ne va.
      Poi cominciano ad arrivare i clienti "normali" qualche minuto dopo che ti chiedono dove sia l'offerta e tu dici "terminata". ne arriva un altro, poi un altro, poi altri insieme che parlano tra di loro si incazzano perchè pubblicizzi una cosa che poi invece in realtà non trovano nemmeno se son passati solo un ora dopo l'apertura del negozio. Così i clienti venuti per acquistare l'offerta e magari altre cose, se ne vanno incazzati con te, col tuo negozio ecc...
      Secondo te son clienti che la prossima volta torneranno da te? Torneranno anche la prossima volta che metterai un'offerta?
      Capisci cosa voglio dire?
      Tu ti fai in 4 per fare un bel gesto ma arriva quello che t piglia tutto e ti mette in cattiva luce con tutti gli altri clienti.
      Se invece tu avessi avuto mille mila albi a 0.50€ e ce ne sarebbe stato per tutti nessuno si sarebbe lamentato.
      Capisci cosa voglio dire? ; )

      Ciao

      Elimina
    12. tetsuyatsurugi16 ottobre 2013 17:26

      Diciamo che non è illegale, ma se poi non faccio in tempo a comprarmene nemmeno 1 copia perchè 5 minuti dopo che sono sullo scaffale è già passato il furbo a fare la scortona, allora qui siamo ad un altro stadio dell'aberrazione nell'ambito dei fumetti, ovvero quello degli editori che stampano un fumetto ESCLUSIVAMENTE per venderlo a dei privati che poi a loro volta lo rivendono rincarandoci sopra il prezzo...

      E' vero infatti che nei supermercati per queste offerte ormai ovunque mettano un limite al numero di pezzi da prendere, altrimenti arriva il solito furbo che gestisce il suo negozio/ristorante direttamente col camion (!).

      Elimina
    13. Ma qui il venditore deve vigilare... è suo l'obbligo...

      Elimina
    14. @narnonet: anche nel tuo esempio, IO devo vigilare.
      Non l'acquirente del blocco...

      Elimina
    15. E va beh... solo perchè ho usato una perifrasi non è che il mio concetto fosse sbagliato... no?

      Poi tetsuya ne ha raccolto il succo ; )

      Ciao

      Elimina
    16. Il venditore deve vigilare, hai ragione.
      Però quelli che comprano in blocco non hanno un briciolo di senso civico e rispetto per gli altri ma guardano solo ai propri interessi e questo mi fa inc@zz.... ehm... ecco ci siamo capiti.

      Però vedi che tornando al discorso di prima devi vigilare perchè non è un atto non piacevole, sia per te negoziante che fai la brutta figura col cliente se finiscono in 5 minuti che per me cliente che vengo a comprarne una e mi trovo tutto finito che me la prendo con negoziante.

      Ciao

      Elimina
    17. "senso civico"?

      non so che dirti. Parli di uno che non ha preso topolino a Romics, pur potendo farlo, manco per se stesso... guarda, io mi sarei vergognato di passarci 10 volte, come un bambino...

      Elimina
    18. Si forse intendevo dire altro con senso civico... ma mi sono uscite quelle due parole

      C'è chi si vergogna e chi no...
      Perchè uno dovrebbe vergognarsi a prendere un topolino in edizione variant? Il mondo è bello perchè è vario. Ognuno ha carattere differente. ; )

      Ciao

      Elimina
    19. Mi sarei vergognato di essere pescato con le mani nella marmellata...

      Elimina
    20. tetsuyatsurugi16 ottobre 2013 18:58

      In effetti invocare senso civico in questi frangenti è un pò troppo, però è indubbio che se gli editori gestissero meglio le loro uscite non si scatenerebbero i peggiori istinti tra gli appassionati e non.

      Se la Disney non avesse sottostimato così grandemente il suo numero 3000 (si vede che era arrivata proprio alla fine della pista), adesso non avremmo l'assalto alla diligenza per questa variant (e temo anche per le prossime!).

      E' interessante però sta cosa del mio fumettaro, nel senso che lui cmq ne ha ordinate 100 copie (e stica!), che gli hanno pure mandato (e stica 2!!), solo che probabilmente manco lui poteva pensare che solo un paio di clienti gliene prendessero assieme praticamente un quarto.

      Tuttavia ce n'erano cmq d'avanzo, ma evidentemente la frenesia ha contagiato un pò tutti, tanto che in due giorni (giovedì e venerdì) gli han fatto fuori 75 copie (e stica 3!!!).

      Magari molti ne avran prese anche 2 o 3 a testa, cmq son tanti che si son dati alla passione Disney tutto d'un colpo eh.

      Mi spiace per narnonet, probabilmente una fumetteria con più volume d'affari, le sue 100 belle copie di scorta gli arrivavano senza problemi, e ce n'era per tutti ma anche lì bisognava sbrigarsi.

      Cmq quelli che l'avevano prenotato avevano ovviamente la loro copia da parte, ma se invece certe fumetterie hanno fatto ordini poco consistenti e sono state snobbate in favore di quelle dai grossi ordinativi che però poi hanno finito per foraggiare volenti o no molti speculatori, allora lì un pò di responsabilità nel vigilare sugli ordini ce l'ha anche la panini.

      Un fumettaro se vuole fare il furbo se le imbosca e te le procura "di fortuna" quando su e-bay domani sono a 20/30 Euro, altri magari lì per lì non ci pensano e se 2-3 clienti gliene prendono un pò tutte in una volta sono anche contenti di farsi fuori la fornitura...salvo poi mangiarsi le mani magari quando si rendono conto che avrebbero potuto specularci pure loro :-ppp

      Elimina
  2. Aiah aiah aiah... Argomento scottante.

    Vi racconto la mia situazione:
    Scopro quest'edizione variant verde durante la settimana di uscita nelle edicole del numero "normale".
    Contatto la mia fumetteria di fiducia (che conosco da anni e anni e che non risiede nella provincia dove abito) per chiedere di prenotarmi una copia di suddetto albo "variante".
    Mi viene risposto che mette in ordine (infati risultava ordinabile dal sito) e che mi verrà fatto sapere se arriverà o no.
    Nel frattempo su ebay inizio a scorgere le prime vendite con prezzi già triplicati/quadruplicati rispetto ai canonini 5€ di copertina.
    Dopo 7/10 gg la mia fumetteria mi avvisa che non riesce ad averlo con un laconico "NULLA DA FARE" senza altre spiegazioni da parte di panini.
    Oramai mi rassegno. Quando un giorno faccio un giro in pausa pranzo in una fumetteria del capolouogo della mia provincia.
    Casualmente noto che il gestore sta aprendo il pacco contenente gli ordini arrivati da panini e vedo che apre anche un pacchetto che contiene una decina di copie di TOPOLINO color VERDE.
    Credendo che siano già prenotate o altro, non faccio richieste.
    Mi viene però di provare a mandare una mail una volta tornato in ufficio per sapere se fosse possibile acquistarne una, e questa è stata la risposta:

    "...ma una cosa è certa, quelle che hai visto sono le ultime rimaste. in panini sono esauriti.
    il prezzo quindi è salito alle stelleeeeeeeeee"

    Nemmeno rispondo chiedendo il prezzo perchè sarà la solita cifra che su ebay è, per un compra subito, di circa minimo cinque volte il prezzo di copertina per un albo uscito nemmeno da due settimane.
    Mi chiedo quindi se un negozio di fumetti sia corretto nel vendere un fumetto appena uscito e vista la sua alta richiesta con un prezzo così stratosferico?
    Questi negozi, vendono passione o vogliono solo fare soldi?

    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se delle colpe ci sono, non sono dei negozianti.
      "Passione"? Il negozio è LAVORO e il LAVORO va compensato dal GUADAGNO.
      Prima pensiamo a quello, poi viene la PASSIONE.

      Se tu ricevessi delle cose che tutti vendono a 20 o 30, le venderesti... a quanto?

      E' facile parlare, quando non si rischia del proprio.

      Elimina
    2. Va bene quello che dici... OK.
      Vuoi guadagnarci, vuoi LAVORARE. Ne prendo atto che "vendi" la variant a 30-40€ (se va bene), ma me nel tuo negozio non mi ci vedi più. Perchè se lo fai con quell'albo lo fai anche su altre testate. E questo non mi piace per un negozio che la pensa che in questo modo.
      Preferisco invece andare da un fumettaro che non guadagnerà a vendere maggiorati gli albi ricercati ma guadagnerà dai miei acquisti regolari.
      Che poi Fracensco, posso capire che un albo è ricercato, che magari sono gli ultimi che girano. Io infatti avrei anche pagato il doppio della copertina per compensare il valore aggiunto dell'albo. Non mi sarei fatto problemi a pagarlo il doppio considerando la sua natura variant e ricercata. Ma pagarlo addirittura 5-6 volte, se andava bene, NO, NON mi andava. Se c'è chi si fa spennare a quel prezzo benvenga. Se non lo troverà allora calerà il prezzo e se il prezzo calerà alla cifra che ritengo opportuna potrei anche essere interessato all'acquisto.

      Ciao

      P.S. la seconda persona singolare non è indicata al tuo caso, ma al caso di cui sopra
      P.P.S. il mio fumettaro, anzi fumettara :D, di fiducia comunque me lo lasciava a 5€ tranquillamente se le fosse arrivato...

      Elimina
  3. Coi "se" non si fa nulla.
    Io ho regalato dragonero -100 copie- quando tutti lo vendevano su ebay a 20 euro. E trovo miei clienti che lo prendono e poi lo rivendono.
    Di cosa parliamo allora?

    Concordo sul discorso alzare i prezzi senza passarsene, ma per UN esaurito che sale, ci sono 2-3 scatole di manga venduti a un euro, e magari pagati 3. È nessuno parla di questo.

    Cmq, la maggior parte di quelli che li stanno vendendo su ebay, i topolino, da quel che vedo son privati...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non dirmi che qualcuno è stato così pazzo da spendere 25,00 euro per Dragonero (presumo il numero 1), che nel mercato dell'usato vale il 50% del prezzo di copertina!

      Chi va su internet non è proprio sprovveduto. Basta fare un giro veloce per capire se un fumetto è raro oppure no.

      Ancora non capisco che gusto ci sia nel pagare di più un albo solo per una copertina diversa. Secondo me è da perfetti immaturi. Cioè, da coglioni.

      Elimina
    2. Ma infatti io non ho detto che tutte le fumetterie fanno come il caso sopra descritto. Magari quello è un unico caso. Però non mi piace.
      Come invece mi piace il tuo caso del regalare dragonero quando altri lo vendevano. Sono anche queste cose le legano un cliente alla fumetteria. Come anche lo fanno scappare quando vedono cose cui non piacciono. Tutto lì.

      È naturale che fanno scalpore modifiche dei prezzi al rialzo piuttosto che al ribasso dove la gente se ne sta zitta per due motivi, o perchè non gli interessa il fumetto in questione o perchè non vuole che qualcun altro arrivi a fregarglieli ah ah ah

      Ciao

      Elimina
    3. Dovremmo imparare ad indignarci.
      Verso quella che è il giusto obiettivo.

      Elimina
  4. Certo. Su ebay c'è una offerta del numero 1 a 1,50 euro. Scade domani. Un altro paio di furbetti lo hanno alzato di un paio di euro. Poi c'è un malato di mente che lo vende a 79,00 euro (ma nessuno se lo fila).

    Poi c'è Orfani n. 0 venduto tra 1,00 euro e 8,00 euro. Anche qui, sono pazzi. L'attitudine di quel fumetto a prendere valore con il tempo è pari a zero. La Bonelli lo ha stampato in un milione di copie. Ma credo che dopo il 4-5 numero le vendite, se tutto va bene, si fermeranno a 25-30.000 copie ed è possibile che cali la tiratura e tolgano il colore (per abbassare il prezzo). So di negozi di videogiochi che hanno ricevuto pacchi omaggio di questi fumetti e li hanno buttati nell'immondizia, salvo regalarli a qualcuno disposti a prendersi tutto lo scatolone. Per chi non vende fumetti o non legge fumetti, Orfani è solo spazzatura. Inutile paccottiglia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già... Di Orfani numeri 0 ne ho visti in giro a palate nei gamestop, anche ieri sera in un negozio trafficatissimo di un grande CC ne aveva a pile.

      Ciao

      Elimina
    2. Infatti, è roba che non vale niente. Non so cosa sia passato per la mente ai vertici della Bonelli o come si siano fatti convincere a lanciarsi in questa cosa, ma in tempi così tristi per l'economica, buttare 1 milione di euro in una operazione così assurda, è autolesionismo allo stato puro.

      Elimina
  5. Il fatto è: stanno cercando di pompare Orfani al massimo cercando di venderlo SOPRATTUTTO a gente che, abitualmente, non compra fumetti MA videogioca. Orfani è una rippata da Halo Reach: stesso design dei personaggi e dei veicoli, stesso "concept" (bambini potenziati per diventare soldati perfetti). Di originale da quanto ho visto c'è ZERO. E hanno puntato sulla partnership Gamestop/Multi.it proprio perchè lo sanno: in libreria prodotti come i libri di Mass Effect, Gears of War, Halo ecc, vendono COME IL PANE, pur essendo porcate pure e semplici.Orfani si basa su questo concetto, e quindi hanno lanciato una campagna pubblicitaria con le palle quadrate cercando di approfittarne.
    Cavolo,sembra debba arrivare il messia da un momento all'altro invece no,deve uscire Orfani.Mah.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che io, per avere scritto le tue stesse cose sulla pagina FB di Orfani, mi hanno cancellato il commento senza nemmeno avvisare! Della serie: "andate a rompere il cazzo da qualche altra parte, che qui commenti saccenti non sono i benvenuti".

      Comunque, è vero che libri come Mass Effect, Gears of War, Halo, ecc. vanno bene in libreria, ma senza effetto di serialità. Si sfrutta il momento. Si bombarda il lettore e quando l'effetto è finito, si passa ad altro.

      Elimina
  6. Stronzone il tizio sopra? Io a degli sfigati lettori e nerdacci come voi ve li venderei pure a 40 €!

    RispondiElimina
  7. Forse il mio è un ragionamento utopistico perchè sono fuori dal settore, ma in casi come questo (albo ricercatissimo, esaurito al lancio, pochissime copie disponibili) un negoziante astuto e lungimirante averbbe potuto "sfruttarlo" per fidelizzare clienti con promozioni tipo "a chi acquista per tot € questo mese in regalo la variant di topolino dal valore di €xxx). Sicuramente avrebbero avuto un ritorno economico maggiore. E forse anche qualche nuovo cliente. Credo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottima idea.
      Panini in fiera ma anche i negozianti avrebbero potuto attuarla.
      Sicuramente non i privati :)

      Elimina
  8. Beh, non che strategie commerciali non debbano essere attuate. Perché l'industria del fumetto deve produrre soldi, con i quali produrre altri fumetti. Ma si dovrebbe coniugare la qualità alla quantità. Per ora si pensa solo al secondo elemento.

    RispondiElimina
  9. tetsuyatsurugi19 ottobre 2013 18:22

    Avvistate oggi in altra fumetteria della mia città, 3 copie variant sullo scaffale, ma opportunamente riprezzate a 10 Euro...ben consci che su e-bay dovrebbe già essere sui 20/30 Euro (quindi a 10 sarebbe pure un buon prezzo ^__^!).

    Devo dire che non ho nemmeno controllato se poi ste aste ci siano o meno e a che cifre riescano ad arrivare...

    RispondiElimina