giovedì 31 gennaio 2013

Lion Comics: un anno dopo



Parlai della Lion sin da quando debuttò, quasi tredici mesi fa.

Mi permisi di dare qualche consiglio, ma dopo i casini dell'ultimo anno di gestione dei diritti DC di  Planeta/De Agostini, ero essenzialmente entusiasta. E curioso.
A prima occhiata i numeri zero non erano male, si partiva per molti versi col piede giusto.
Certo: vedendo ora che, sia il lancio che la partenza del New 52, gli eventi editoriali Lion dello scorso anno, sono stati entrambi fatti all'interno di un ponte (ovvero: col giorno dell'uscita fissato subito prima o subito dopo un festivo), e con tutte le difficoltà distributive del caso (se un pacco tarda, hai voglia ad inseguire un corriere di sabato o domenica o equivalente festivo), qualche dubbio mi venne.
Ad un anno e passa, tanti dubbi rimangono. Su tutto: come può avere un gruppo editoriale che è tutt'uno con un distributore problemi... distributivi?

Ne riparleremo.


Per stendere queste righe, ho chiesto aiuto anche ad alcuni clienti, dei quali ho raccolto consigli, lamentele, e anche complimenti o soddisfazione, ma anche ad amici librai.

Sono servite alcune settimane, aspetto ora i vostri commenti.




Ecco, nel dettaglio, le critiche maggiori a Lion Comics dopo un anno.


1-Cura editoriale degli albi

Era la principale pecca di Planeta/De Agostini che, ad oggi, è stato forse l'editore più importante della DC in Italia, se non altro per quantità di pubblicato ed investimento sul prodotto nel giro di pochi anni.
L'editore spagnolo ha peccato, essenzialmente, per la totale mancanza di comunicazione, dovuta anche all'assenza di una redazione italiana, e per la poca cura che metteva nelle traduzioni e negli adattamenti. 
Lion, per alcuni versi, è riuscita a fare peggio: partita bene, è poi mano a mano peggiorata.
Stampa spesso pessima (neri che non sono... neri!, macchie), pagine tagliate male col risultato di avere baloon illeggibili, albi scansionati per mancanza degli impianti originali (dirlo prima?), e diverse altre cosucce. Su tutto: cambiare il formato dei (costosi) volumi da collezione, tipo Swamp Thing. Il terzo (i primi due sono stati editi da Planeta), ha poche pagine in meno, ma ha uno spessore nettamente minore... Idem si può dire per la grafica dei primi volumi che proseguivano le serie DC pre-reboot.

Da ultimo, uno dei peggiori scempi che si possa fare ad un fumetto originale: rimontare le tavole.
Pratica diffusa, soprattutto anni fa, e se non erro inventata da Panini Comics o Marvel Italia che dir si voglia (per maggiori informazioni, leggete qui) viene utilizzata quando le pagine di un albo non sono sufficienti a contenere una storia originale, che spesso ha una disposizione particolare delle "doppie" dovuta al fatto che le serie USA contengono pubblicità all'interno delle storie. Altri, magari, modificherebbero il formato o il sommario, spezzerebbero in due parti una storia (male minore), rinuncerebbero a rubriche e/o cover interne. Insomma: cercandola, una soluzione c'è. Lion, invece, ha preso spunto dal creativo editore modenese, rimontando su UNA pagina sola, DUE tavole originali.
Bello, eh?
Stupisce che NESSUN AUTORE su suolo italico, almeno non di mia conoscenza, si sia scandalizzato di ciò: sempre attenti al trattamento ricevuto, pronti a protestare per plagi o per il minimo difetto di pubblicazione, forse questa magagna non merita almeno una segnalazione?

Concludendo, poi, sembra che ci sia una generale volontà di risparmiare su tutto.

2-Qualità

A fronte di prezzi mediamente più alti, confrontando un volume Panini ed uno Lion, la differenza qualitativa è evidente. Ora: i prezzi non sono oggetto di critica, perché l'editore è un imprenditore che deve gestire costi e ricavi, dati che conosce solo lui. Ma quando una certa carenza qualitativa si somma a prezzi maggiori, qualcosa non funziona...
Il tutto, unito a continui aumenti di prezzo per volumi già annunciati (“Comunichiamo alla gentile clientela che il volume “x” costerà 19.95 e non 14.95 come precedentemente detto”), prassi in verità in netta diminuzione negli ultimi mesi.


3-Calendari
Errore che un editore imparentato con un distributore non dovrebbe fare: rimandare continuamente le uscite. Molti lo fanno, ma sono quasi tutti piccoli.
I "grandi" rispettano i calendari: Star Comics, Bonelli.
Panini, ad esempio, ha svariati rinvii, ma su un calendario molto fitto (gennaio 2013: 122 uscite, non contando variant e ristampe, contro le 64 di Lion, contando pack, Goen, e tutti gli albi spostati da dicembre), ci può anche stare.
Se si va a vedere la checklist DC pubblicata sugli albi di dicembre, si scopre che circa la metà delle uscite è stata fatta slittare: il tutto sotto Natale, classico periodo di incremento delle vendite.
Aggravante è data dai dai TRE MESI di anticipo con cui è necessario effettuare le prenotazioni al distributore, cosa mai vista: in genere, almeno per gli editori (mi verrebbe da dire "seri", pensando ai tanti piccoli che, uno o due anni dopo, ancora devono pubblicare albi annunciati e riannunciati...) di media e grande dimensione, che in genere si "accontentano" di soli due mesi di preavviso.

4-Catalogo, long seller e confusione

Ristampe di tanto materiale, ma tantissimi long seller che latitano. Chi ha più visto Watchmen, Batman: the Killing Joke, Sandman, Preacher e tante altre cose? Il tutto in un catalogo SENZA EGUALI al mondo, per opere di primaria importanza, quale è quello DC.
E' stata una grossa pecca, non di Lion, ma semmai di Alastor, il non aver recuperato il catalogo Planeta.
Buona, tutto sommato, l'idea di fare gli spillati di Watchmen e Before Watchmen, che sembra stiano vendendo, ma anche qui c'è tanta confusione: sono edizioni limitate al primo ordine o no? All'inizio sembra di si, poi comunicano di no, ma sui cataloghi c'è ancora scritto così.
Per carità: meglio, almeno non si rimane coi "buchi" in collezione...
Ma... così, si premiano i negozianti che, facendo gli ordini, hanno rischiato poco, prenotando il minimo, ed ora - alla bisogna - possono richiederne altre. Chi ha puntato sul prodotto, prendendone molte copie - come ti invogliavano a fare le promozioni proposte dall'editore/distributore - ha corso un rischio, senza che ci fosse la necessità di farlo.

5-Politica verso i negozi

E il punto precedente ci porta qui.
Come dicevamo all'inizio, stupisce che un gruppo editoriale che è tutt'uno con un distributore possa avere problemi distributivi. In sintesi: tante variant edition, ma con dei paletti imposti negli ordini, che portano il negoziante, necessariamente, a variare il prezzo degli albi "limitati", che non sono liberamente ordinabili. Il tutto, però, con un prezzo diverso stampato in copertina.
Non si potevano lasciare tali albi SENZA prezzo? Legalmente si.

E non parliamo delle variant vendute solo a Lucca... con una copia data (UNA) con grande generosità due mesi dopo, ai soli RW Point...
A livello distributivo, poi, non aiuta per nulla l'avere la possibilità di conoscere le promozioni un mese dopo i miei clienti. Nello specifico: il catalogo Mega con le novità da prenotare esce, all'incirca, il dieci del mese, e contiene l'indicazione delle - spesso macchinose, a dir poco - iniziative promozionali dell'editore: dalle stampe in omaggio ai pack, passando per quelle legate a vari personaggi o situazioni. Per aderire a quelle promo, servono le esatte condizioni praticate ai negozianti, che vengono comunicate alla libreria, di solito, DOPO che questa ha fatto gli ordini, tramite il modulo Business che viene inviato a ridosso della "deadline", se non i primi giorni del... mese successivo!
Senza parlare, poi, della macchinosità di tutto il sistema promozionale: pensate ai Bat-Pack relativi alla Notte dei Gufi, pubblicizzati poco prima Natale, per iniziare ad uscire il 5 gennaio, quando il distributore era chiuso per ferie dal 22 dicembre fino all'anno nuovo! Come ordinare, come diffondere la notizia ai clienti? E, oltretutto: modificare tutti gli ordini per avere pack VIRTUALI, che non erano descritti come tali da nessuna parte. Infatti, quasi nessuno aveva capito...
In genere, quando un produttore prova a coinvolgere un cliente - privato o rivenditore che sia - portandolo a partecipare ad una promozione, semplicità, chiarezza e capacità di invogliare all'acquisto, sono i requisiti essenziali: farraginosità e ambiguità, invece, sono gli ingredienti fondamentali delle comunicazioni alle fumetterie, che spesso si trovano - ribadisco - a non sapere come rispondere alle domande dei clienti, che leggono "in giro" cose che ancora non sono state ben definite e comunicate.
Questo vale anche per il Reboot: vetrofanie arrivate in ritardo, idem per i poster, che tanti negozi non hanno neanche visto.
Infine: casini col corriere o con la tipografia prima di Natale ce ne possono anche essere, ma non esiste che fai uscire la marea di volumi e cartonati prevista per la settimana natalizia con due settimane di ritardo. Non esiste.

6-Pubblicità inesistente.

Ma questo è un problema comune.
Però, per Lion è aggravato dal fatto che l'essere "nuovi" e, soprattutto, l'avere l'occasione del rilancio della DC (starting point migliore degli ultimi venticinque anni), meritava una pubblicità migliore.
Anzi: una pubblicità. Che non c'è stata.
Ma ne abbiamo parlato a suo tempo QUI e QUI.



Questi sono semplici consigli.

Ma, attenzione: non sono né gratuiti, né avventati.
Non sono gratuiti perché sia il sottoscritto, che lavora e punta molto sulla DC, né i fan, che sperano che le cose migliorino e non hanno interesse a sperare in un nuovo licenziatario (l'ennesimo...), hanno appunto alcuno stimolo a demolire la Lion.
Non sono avventati, perché uniscono il punto di vista lavorativo, il mio e quello dei miei colleghi, coi quali spesso mi confronto, e quello del fan, dal quale molte di queste indicazioni provengono.

Personalmente, ad averne di critiche così al mio lavoro... Se non altro, mi darebbero un punto di vista diverso...
E mi piacerebbe, almeno ogni tanto, lavorare COI distributori e CON GLI editori, invece che PER i suddetti.

ps: ora si parla di "4° Wave", abbassamento prezzi, nuove collane: tutto come se fosse periodo elettorale anche per gli editori. Chi vivrà vedrà...

12 commenti:

  1. Parlando del punto 1 e 2 in maniera combinata: oggi ho ricevuto gli ultimi numeri di Batman e nonostante l'inondazione di lamentele ricevute sui primi numeri, riconfermo che alcune (tante) didascalie e baloons vanno letti ed interpretati con gli occhialetti 3D solo se non si è miopi. Capisco la questione dei contratti con le tipografie, i costi e le economie di scale, ma qua si parla (ancora) di discesa liscia della qualità quindi di prezzo. L'osservazione più brutta e rassegnata da fare è che "o li leggi così o ti attacchi...all'originale". Io purtroppo non ho voglia di (ri)leggerli in inglese e come tanti sto in silenzio e spera. Punti 3,4 e 6 chiarissimi e sottoscrizione al 100%. Idem con patate sul punto 5 con l'aggiunta di un "cornuti" perché il commercio editoriale non credo si faccia MAI in questi termini, con questa sorta di "pizzo per pezzi" per ottenere le variant cover (discutibili in numeri e fattura) e la promozione di pack un po' ad minchiam per ricevere un gadget (discutibile anch'esso). Voglio dire, io ho solo un esame di marketing ed economia, ma le ricerche di mercato sono importanti eh, che facciano più attenzione! Alla fine la fumetteria è l'anello finale della catena e la domanda più semplice e sciocca è "perché fare marcire (o impoverire, a discrezione dell'utente) proprio questa parte della catena?" Crisi e non crisi cinghie se ne stringono ovunque ed ognuno provvede a portare a casa la pagnotta nella maniera più dignitosa e leale possibile, qui non sembra proprio così o forse siamo (parlo per me in primis) solo dei lamentosi e bavosi che se imbandiscono una causa perché vogliamo sapere i conti nelle tasche altrui e quindi cosa di conseguenza ne viene a noi (in termini di fumetti ovviamente). Magari per la 4th Wave ci sarà Cetto Laqualunque a dire "cchiù Batman pi' tutti". Si spera in prezzi più bassi, meno cartonature e più brossurature.

    RispondiElimina
  2. Innanzitutto complimenti per il blog. È da meno di un anno che lo seguo ma trovo molto interessante e stimolante leggere le opinioni di qualcuno che lavora sia a contatto con il pubblico che con gli editori, una figura misteriosa e distante per noi che i fumetti li leggiamo solo.
    Oltre al rapporto qualità/prezzo altalenante e la scarsa cura editoriale, la mancanza più grave di RW è l'assenza di un catalogo online dove poter acquistare ma soprattutto sapere cos'è che hanno pubblicato/pubblicheranno in maniera rapida e chiara, senza stare a far controlli incrociati con il sito di Alastor per sapere se il volume che cerco è esaurito.
    Ed, a proposito di esauriti, com'è possibile che Books of Magic e Black Orchid siano DEFINITIVAMENTE esauriti dopo così poco tempo? Forse le fumetterie, più lungimiranti dell'editore stesso, ne hanno fatto incetta sapendo che il nome Gaiman sulla copertina vende meglio del pesce al mercato ittico? A questo punto, spero sia così.
    Infine fa un po' ridere il post in cui si auto-celebrano, cercando di far credere che il loro successo commerciale sia tutto merito loro e non di un catalogo che si vende da solo (Vertigo) e serie regolari che hanno ribaltato le classifiche di vendita negli USA (New 52).

    RispondiElimina
  3. grazie! si, batman, anche per colpa dei balloon neri, è difficilissimo da leggere :))

    RispondiElimina
  4. Io a dire il vero ho notato un miglioramento nella qualità di stampa rispetto agli inizi (ma seguo solo alcune testate). La mia copia di SPACEMAN è impeccabile. Solo un paio di macchie d'inchiostro, ma le linee rette sono veramente dritte e non seghettate.

    RispondiElimina
  5. per i volumi si.
    i cartonati di alto prezzo sono migliorati moltissimo.
    il prob, per la stampa, sono gli spillati...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Francamente anche gli ultimi spillati che ho preso mi sono sembrati migliori come stampa rispetto ai primi, ma posso essere stato semplicemente fortunato.

      Secondo me il termine "rimontaggio" non è adeguato in questo contesto: come hai già spiegato anche altrove si tratta della semplice rotazione di 90° di una tavola doppia (che è stata fatta quando proprio non si poteva fare altrimenti se ben ricordo). Niente di tanto radicale come i rimontaggi veri e proprio che l'Eura faceva dei fumetti argentini, spostando/allargando/eliminando vignette...

      Elimina
  6. beh, non è solo quello: è una tavola RIDOTTA di molto come dimensioni, oltre che ruotata.
    Hai ragione, forse rimontaggio è poco :))
    diciamo che... non si poteva fare altrimenti è una opinione. Si potevano eliminare le prime 2 pagine di redazionali, o spostarle in seconda di copertina e sintetizzarle. Si poteva spezzare una storia, di poteva cambiare formato. Se ne potevano tante. Ma si è scelto di non farlo: tra "storia" e "formato", la lion ha fatto la sua scelta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, in effetti io posso parlare solo di Batman 9. Sfogliandolo ho visto che ci sono anche altre tavole doppie e mettere la prima correttamente avrebbe voluto dire modificare pericolosamente il timone col rischio di togliere proprio gli editoriali (o eventualmente di metterne uno a metà di un albo per recuperare la scansione e non spezzare le tavole doppie).
      Tutte le altre alternative che proponi sono valide, ma secondo me non è poi questa tragedia girare il fascicolo e leggersi così la tavola doppia. Oltretutto, non venivano anche realizzate delle versioni formato reader's digest di alcuni comic book? La lettura non dovrebbe essere troppo penalizzata da quel formato, almeno nel mio caso non lo è stata.

      Insomma, bazzecole se ripensiamo a quello che facevano Eura, Rizzoli-Milano Libri, Comic Art...

      Elimina
    2. seguendo la tua logica,pensando a quello che fanno/facevano eura e altri, si può fare tutto :)
      la corno MAI ha rimontato tavole.
      la tavola non solo è girata, ma è DIMEZZATA come formato. tutto il lavoro del disegnatore è buttato nel cesso: pensa a quello che c'è dietro a certe splash di uno come Capullo, ad esempio...
      spostare i redazionali è così drammatico, pensando a tutto ciò?

      Elimina
    3. Ahimè, questa è la logica che seguono gli editori, o meglio la giustificazione che possono addurre per spiegare certe scelte. Fosse per me i fumetti andrebbero stampati solo in volumi cartonati a tiratura limitatissima su carta patinata ad alta grammatura (minimo 200 gr) a partire da matrici di zinco, da distruggere una volta che hanno svolto il loro compito.

      La Corno non ha mai rimontato? Mi fido di te. Di sicuro ha rifatto i colori, ha ingrandito i balloon per far stare i testi e ha messo delle pecette (o forse scriveva direttamente sulle pagine? Non ricordo) con le indicazioni di pagina e testata, tipo "UR19", che ovviamente in origine non c'erano. E le traduzioni lasciavano perplesso persino uno come me che di supereroi non ne capisce molto ("Millie IL modello", "LO, il mostro"...).

      Capullo dimezzato, sai che perdita :D
      Scherzi e gusti personali a parte, uno dei criteri che usano in Francia per determinare se un disegnatore è bravo o no è anche vedere come regge all'ingrandimento o al rimpicciolimento del formato di stampa originale. E, nel caso specifico di quel Batman 9, secondo me hanno scelto la tavola doppia che più si prestava (una figura intera di Batman).

      Elimina
  7. ah: c'è anche chi non ama capullo :))
    non puoi paragonare un editore moderno alla corno, che comunque 40 anni fa era un ECCELLENTE editore, per la media dell'epoca.
    ribadisco: non c'entra il discorso del cartonato o brossurato. L'opera va trattata con rispetto, e rimontare le tavole è mancanza di rispetto. Soprattutto se c'è una alternativa...
    questo è oggettivo. Altre cose non lo sono, questo però si.
    Poi si può accettare o meno (e a me, oggi come oggi, sembra che ormai si accetti tutto...), ma rimane una porcata.

    RispondiElimina
  8. Concordo sul non fare paragoni con robe vecchie perché tra le prime cose si tratta di materiale nuovo e fatto per occhi, gusti e sacche di oggi. E' normale lamentarsi per quella splash page che diventa una pagina da capovolgere, dopo di quella cominciano gli altri guai dei neri non neri, didascalie e baloons da leggere con gli occhialetti 3D (mi ripeto, lo so). Insomma lamentarsi è giusto per coerenza e perché, cazzo, Batman è la testata ammiraglia della Lion e renderla illegibbile, con robe capovolte e cover "censurate" (N.6) non è cosa. Non vogliamo la carta di Luigi XIV ma un normale albo che valga quei 3,70!

    RispondiElimina