giovedì 25 settembre 2014

Anteprima, Dylan Dog e le novità dalla Bonelli

Vedendo l'ultimo Anteprima, catalogo di riferimento di Pan Distribuzione, mi sovviene una riflessione: perché, sulla copertina di quello che è uno strumento dedicato alla distribuzione nelle librerie specializzate, c'è un albo di Dylan Dog, che le fumetterie non avranno, almeno da canali ufficiali, fino al marzo del 2015?




Premessa.

Il catalogo è uno strumento ormai obsoleto, che nasce per pubblicizzare prodotti, e finisce per essere una rivista che "è necessario vendere". Qui analizzavo il problema del finanziamento di questo mezzo di promozione: in tre anni, sono cambiate pochissime cose.

Attualmente, parlando solo di fumetti, gli ordini possono esser fatti da questi cataloghi:
-Direct: BD, JPop, GP, Black Velvet, D/Visual;
-Première: Tunue, Coconino;
-Terminal Magazine: soprattutto dvd, ma anche svariati editori, come Cosmo, il gruppo BD-Jpop, RW, Flashbook ed altri;
-Anteprima: Panini Comics, Rizzoli ed altri;
-Mega: RW, Saldapress, 001, Bao, ma anche tutti gli altri non esclusivisti: sicuramente è il catalogo più completo per quantità di novità presentate.

Tutte queste riviste sono disponibili sia in cartaceo che in digitale, tranne Première, che ormai esce solo online. Tutte sono gratuite nella versione digitale, a pagamento per quella cartacea e costano 1 euro, tranne Mega (1,20 euro) e Terminal Magazine (che è gratuito).

Ecco: forse la novità grossa, rispetto a tre anni fa, è che è finalmente possibile avere tutti i cataloghi in pdf, o comunque scaricabili o visualizzabili tramite internet, tranne Anteprima, del quale si trovano solo le pagine Panini Comics.

Dopo il breve excursus, arriviamo al punto, ovvero Anteprima 277 di settembre 2014.
Perché ha in copertina Dylan Dog?

I cataloghi servono a vendere dei prodotti alle fumetterie. Meglio: pubblicizzano prodotti ai clienti, che li prenotano, poi, ai negozianti. Il loro costo è assorbito dagli editori che hanno spazi a pagamento (non tutti), ma soprattutto dalle fumetterie, che acquistano decine e decine (e decine!) di copie, per avere gli spazi pubblicitari presenti a fine catalogo. Poi: che lo regalino, o lo vendano, poco cambia. Pensate: qualche anno fa, a memoria una decina, Anteprima costava il triplo di quello che lo pagate ora, ma i negozi, almeno, lo avevano con lo sconto e potevano venderlo. Oggi, ormai da anni, viene venduto ai negozi a prezzo di copertina.

Il fatto buffo è che, quando io, libraio, prenoto, ho le stesse informazioni che ha il mio cliente. Le poche indicazioni supplementari inviate dai distributori, parlano di prezzi, sconti, provano a farti ordinare tanto di più, offrendoti poco di più, o magari nulla, ma non ti informano su contenuti, sugli autori, non ti dicono "se hai venduto tante di questo titolo, prendi quest'altro, che è dello stesso disegnatore/scrittore/genere". Non ti informano, insomma, ma ti trattano come un utente qualsiasi.

Cosa che non accade nel mondo delle librerie "vere", del quale siamo sempre più uno scimmiottamento...

Ma, tornando ad Anteprima 277, la copertina mi ha lasciato subito interdetto.
Dylan Dog. Non un numero qualunque, ma l'albo 337, di fine settembre. Quello, storico, dell'attesissimo rilancio.
Ebbene: tale "prodotto", pubblicizzato sulla cover e poi a pagina tre, non sarà ordinabile dalle fumetterie che a partire da marzo 2015!! E per grazia ricevuta, visto che è solo qualche anno che i fumetti Bonelli sono distribuiti anche nelle librerie specializzate, ma con un ritardo di (almeno) sei mesi sulla data di uscita in edicola, per un accordo tra l'editore di Tex e Pan Distribuzione, che ne è il distributore ufficiale per questo canale.

Quindi, per capirci: tutto quello che è arretrato (ovvero uscito da almeno sei mesi) è liberamente ordinabile, mentre le novità sono ordinabili si, ma arrivano in modo irregolare, e con sconti che le rendono un servizio, non un bene sul quale investire e col quale guadagnare. Per farmi capire: se prendo cento Dylan Dog, e ne vendo ottantacinque, il che sarebbe un risultato ottimo per qualsiasi altro albo, ci vado in perdita.

Per questo, mi sa un po' di presa in giro, il vedere un albo, proprio sulla cover del catalogo che IO contribuisco a pagare, e non poterlo avere. Come è un po' una presa in giro che ci siano tanti fumetti che non vengano venduti in fumetteria: vale per la Bonelli, vale per tanti allegati editoriali, per i quali, incomprensibilmente, si sceglie una distribuzione esclusiva per il canale delle edicole, precludendosi la possibilità di essere presenti nei negozi specializzati, che sono in numero infinitamente minore, ma comprano senza reso, prenotano e, soprattutto, sono frequentati da un pubblico selezionato, abituato a spendere e "di bocca buona".

Oltretutto, se tanti editori che non vanno in edicola (NPE, 001, Bao, Rizzoli, BD) si "buttano" su ristampe di pubblicazioni bonelliane, significherà pure qualcosa, in termini di vendite, no?

Molto in piccolo, rispetto ad altre del passato, ma anche questa sembra una mossa fatta alle spalle delle fumetterie, se non altro per un discorso di principio.



Per rimanere (quasi) in tema, qui un'importante iniziativa della Sergio Bonelli:
LA NUOVA STAGIONE BONELLI IN DIRETTA STREAMING!Il 26 settembre, alle ore 11:25 avrà inizio, in diretta da Milano, la conferenza stampa di Sergio Bonelli Editore. La nuova vita di Dylan Dog, le novità della prossima stagione editoriale, le future strategie aziendali nel settore multimediale: seguite la conferenza grazie al nostro streaming!
In diretta dal Blue Note di Milano, venerdì 26 settembre, alle ore 11:25, avrà inizio una conferenza stampa che vi trasmetteremo in diretta streaming sul nostro sito, su questa stessa pagina.
Una volta concluso il countdown, scoprirete in diretta tutte le novità della nuova stagione targata Sergio Bonelli Editore: dall'atteso rilancio di Dylan Dog alle nuove serie, fino alle nuove strategie aziendali riguardanti il campo multimediale.
Un appuntamento da non perdere!

Importante perché pare essere un ulteriore passo verso un maggiore dinamismo del più grande editore italiano. Importante perché attesa da molti (sarà interessante sapere i numeri della diretta). Importante per i contenuti, che speriamo anche interessanti.

Si parla, purtroppo, di variant realizzate ad hoc per Lucca Comics e fumetto digitale: speriamo siano solo voci di corridoio. Fino ad allora, non avrà senso parlarne.






3 commenti:

  1. Comunque è ufficiale, la Bonelli avrà tre variant esclusive nel suo "padiglione" lucchese.

    Adam Wild 1.
    Dylan Dog 337 che è questo in uscita.
    E Orfani 1 II stagione o quel che l'è.

    E per me è un brutto segno, proprio brutto.

    Conferenza soporifera, peggio di Lupoi e soci lo scorso Cartoomics ma anche di una conferenza Lion qualunque.

    E ho detto tutto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No dai, aspettiamo almeno i cofanetti!

      Elimina