giovedì 8 agosto 2013

L'Ultima Mano di NarniaFumetto

Sono finalmente online sia il programma completo di Narnia Fumetto (scaricabile in pdf, o testuale sempre aggiornato), oltre alla sezione Games & Cosplay.

Bozzetto della locandina, by Monica Catalano

Quando iniziammo, era fine 2005.
Un gruppo di autori, collezionisti, appassionati.
Dopo la seconda edizione, le cose cambiarono.
Lasciarono quasi tutti, ed il gruppo si ringiovanì: entrarono nella "dirigenza" tutti i ragazzi che, fino ad allora, erano stati nello "staff" della fiera. La gavetta era finita, i giovani erano al potere!

Siamo cresciuti. Studiando, lavorando. La passione c'era, le competenze sono state trovate e le qualità sono emerse. Oggi c'è una bella squadra, con gente affiatata, che un pezzetto alla volta, da ottobre a settembre, "assembla" la nuova Narnia Fumetto.

Ora, da tre anni siamo in centro. Ne consegue qualche problema logistico, ma per la prima volta abbiamo spazi dove crescere, spazi che cambiano, magari crescono, ogni anno. Così, la scorsa edizione, ci siamo allargati, occupando anche piazza Dei Priori con una tensostruttura: gli espositori che continuano a scriverci per partecipare, sono stati in parte accontentati, in gran parte ancora no, ma magari cresceremo anche in quello, senza fretta.

Finita la scorsa edizione, elaborammo un "piano di battaglia" per il 2013: cose da fare, cose da evitare.
A causa della crisi, quest'anno, a programma già approntato ed in corso di realizzazione, abbiamo avuto nuove ed ulteriori difficoltà per realizzare la manifestazione.

Superato lo sconforto, abbiamo ridisegnato l'intero evento: essere pratici, elastici e capaci di adattarci, son sempre stati i nostri punti di forza. E, così, ad oggi, posso dire che, con tante difficoltà in più, abbiamo messo in piedi un programma, non solo migliore dello scorso anno, ma che ha realizzato tutte le aspettative e i "sogni" che ci aveva lasciato la scorsa edizione.

Area Pro, circa cinquanta espositori, altrettanti autori (ben cinque gli stranieri, con delle giornate tematiche dedicate ai "big", e la presenza di quasi tutti i disegnatori "DC" italiani!), laboratori per bambini, due cosplay contest, di cui uno tematico Disney, aperitivo (ed altre iniziative) per la beneficenza, la seconda edizione del premio de I Leoni di Narni con migliaia di votanti, i "chili" di omaggi a chi acquista l'abbonamento (solo 10 euro per due giorni e mezzo!), la mostra dedicata al maggiolone di Dylan Dog curata dall'Associazione Dylandogofili, i team-up tra autori ("Una poltrona per due"), conferenze, presentazioni, i direttori editoriali degli editori che pubblicano Marvel e DC in Italia che annunciano i propri programmi, la presenza della Sergio Bonelli Editore, un area Games in crescita... e questo non è tutto. Se non sapete di cosa parlo, leggetevi il programma: quest'anno, ce ne è davvero per restare più di un giorno.

Abbiamo temuto altre volte di essere giunti al capolinea.
Ma, stavolta, la sensazione è molto più forte del passato: lo sforzo necessario a produrre Narnia Fumetto 8, o come la chiamano gli amici NarniaFumotto, è stato grande. Irripetibile. Molti amici ci hanno aiutato, lo staff sta lavorando per pura passione.
Il tutto, per darvi una manifestazione da sogno.

Ecco: i veri supereroi, i Capitan Thunder (l'avete visto il corto di quest'anno, vero?), sono i ragazzi dello staff.

Siamo di nuovo ai blocchi di partenza: è il momento di credere ed investire seriamente, senza "se" e "ma" in questa manifestazione, il momento di dare tutto.

Noi, quest'anno, a prescindere dal risultato, l'abbiamo fatto.

8 commenti:

  1. Forse sarebbe giusto dimostrare di apprezzare i Vostri sforzi, anche solo appoggiandovi! Io sono il primo.

    RispondiElimina
  2. Bellissimo disegno. Ve lo dice uno che nel tempo libero realizza ritratti su tela con colori ad olio.

    RispondiElimina
  3. erich... tu devi essere un genio tipo i supereroi golden age...
    c'è qualcosa in cui non primeggi?

    RispondiElimina
  4. Il disegno e l'arte in generale è stata una mia passione fin da piccolo. Ho iniziato con gli acquerelli, poi la tempera, i pastelli a creta e infine pittura ad olio. Con il disegno sono molto abile e la mia specialità sono i ritratti, che eseguo in grandi dimensioni. Ma è solo un mio passatempo. Adoro i pittori impressionisti, che considero dei geni assoluti. Il mio preferito è Alfred Sisley. Il meno preferito è Renoir.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tetsuyatsurugi9 agosto 2013 01:18

      Scusa la mia ignoranza, ma cosa sarebbero i "pastelli a creta"?

      Cmq in bocca al lupo per questa nuova edizione di Narnia Fumetto!

      Elimina
  5. I pastelli a creta, detti anche "crete", somigliano a dei gessetti, ma la loro composizione è completamente diversa. Sono formati da un impasto di polveri varie e a differenza dei gessetti, sono più uniformi e densi, coprenti e permettono di realizzare straordinari effetti (molto, però, dipende dalla "mano" dell'artista). Sono quelli che, comunemente, vengono definiti pastelli. L'artista che più di ogni altra ha portato al massimo grado questa forma d'arte è stata la straordinaria Rosalba Carriera (vissuta nel XVIII secolo). Per quanto mi riguarda, soprattutto quando devo realizzare un lavoro rapido o un bozzetto, mi avvalgo di pastelli a olio.

    RispondiElimina
  6. tetsuyatsurugi9 agosto 2013 21:39

    Grazie mille per l'esausitva delucidazione (ammetto di non averne mai sentito parlare)!

    RispondiElimina
  7. Di niente. Lieto di avere soddisfatto la tua curiosità "artistica".

    RispondiElimina